A14, abbattuto ultimo diaframma Galleria Sappanico

Nuovo importante passo avanti per l’ampliamento a  tre  corsie  del  tratto marchigiano dell’A14. Oggi, con oltre 2 mesi di anticipo  sul  programma  dei  lavori, è stato abbattuto l’ultimo diaframma della  galleria Sappanico, fra Ancona Nord ed Ancona Sud,  la più lunga fra
quelle  presenti  nel  tratto interessato dai lavori di ampliamento in A14. 

Durante  lo  scavo  sono  stati  raggiunti  livelli di sicurezza ancora più elevati  grazie  all’utilizzo  della  nuova tecnica detta “centina sicura”. “Nelle  Marche  – ha dichiarato Gennarino Tozzi, Condirettore di Autostrade per  l’Italia  –  stiamo  investendo circa 2 miliardi di euro e abbiamo già aperto al traffico oltre 90 km di terze corsie su un totale di circa 126 km con un anticipo medio di 6 mesi. Ad oggi quindi, da Bologna a Senigallia, è possibile   percorrere  a tre corsie tutti i 195 km del tratto autostradale di  A14.  Siamo  stati  in  grado  di rispettare una tabella di marcia così impegnativa   anche   grazie   alla   collaborazione  con  tutti  gli  enti territoriali. Un’ulteriore conferma della forte sintonia tra Autostrade per l’Italia e Regione Marche – ha aggiunto Tozzi – arriva dall’essere riusciti a  trovare  una  soluzione  che  consentisse  al Consorzio Samac, che aveva difficoltà finanziarie, di  riprendere i lavori di ampliamento a tre corsie del  lotto  4  nel  tratto tra Senigallia e Ancona nord. A questo punto, se tutto  procederà  regolarmente, il completamento della terza corsia avverrà
per  settembre  2014 quando risulterà ampliato a tre corsie l’intero tratto di  autostrada  da  Rimini Nord a Porto Sant’Elpidio con la sola esclusione del  tratto Ancona Nord.”Nel realizzare gli interventi di ammodernamento ed ampliamento   della   rete,  Autostrade  per  l’Italia pone  la  massima attenzione  sia  ai tempi di realizzazione che al tema della sicurezza. Per quest’ultima,  si  tratta  di  un  vero  e  proprio  impegno sociale che si persegue  sia nei confronti degli automobilisti, grazie a strumenti come il Tutor,  che  dei  lavoratori  impegnati  nei  nostri  cantieri  che vengono incentivati,  per  alcune  opere, con veri e propri premi per comportamenti virtuosi.   In   particolare  si  stanno  registrando  per  i  cantieri  di potenziamento  dell’A14  tra  Cattolica  e  Porto  Sant’Elpidio,  Indici di Frequenza  e  di  Gravità  degli  infortuni nettamente inferiori alle medie nazionali.  Inoltre  durante i lavori di ampliamento si garantiscono sempre due  corsie  per  senso di marcia e ciò assicura il minor disagio possibile alla  circolazione con la massima sicurezza per i lavoratori dei cantieri. E proprio  in  linea  con  l’impegno  continuo di migliorare la sicurezza dei lavoratori  che  per  lo  scavo  della  galleria Sappanico, lunga circa 900 metri,  è  stata utilizzata una tecnica sperimentale, mai adoperata finora, detta “centina sicura”. Si tratta di un sistema di contenimento provvisorio dello  scavo  tramite  un  particolare  tipo  di  centina metallica che non prevede,  durante  la posa in opera, la presenza di operatori in prossimità del  fronte  di scavo migliorando, in tal modo, la sicurezza dei lavoratori impiegati  nella  realizzazione  dell’opera.“In  una  fase così dura per il nostro  Paese,  non  solo  per  la  crisi  economica ma anche per quella di fiducia  verso  le  istituzioni – ha detto il Presidente della Regione Gian Mario  Spacca  –  offrire un segnale così concreto di efficienza e rispetto degli  impegni  assunti è di straordinaria importanza. Significa dimostrare con  i  fatti  che  la  crescita  è  possibile. Che si può investire su uno sviluppo  responsabile,  rispettoso  dell’ambiente e del paesaggio, creando
occupazione.  Che  la  collaborazione  leale  e  trasparente tra pubblico e privato  è  in  grado  di  produrre ottimi risultati in tempi veloci. Nelle
Marche  tutto  questo  si  sta  realizzando,  anche  grazie  alle  opere di
Autostrade  per  l’Italia che stanno procedendo speditamente e senza disagi per  gli  automobilisti.  Presto,  risolto  anche  il  nodo  di Senigallia, l’intero  tratto  autostradale  marchigiano  fino a Porto Sant’Elpidio sarà dotato di tre corsie. Un esempio per tutto il Paese”.

c.s.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici + 14 =