Autovelox, Tutor e T-RED rileveranno mancata copertura assicurativa

Deve avere sicuramente colpito non poco il Governo la recente rilevazione secondo la quale circa quattro milioni di veicoli in Italia viaggiano senza copertura assicurativa. Forse per questo motivo, infatti, nella bozza del decreto Sblocca Italia presentata dall’Esecutivo vi è una norma che abiliterà Autovelox, Tutor e T-Red, insomma a tutti gli strumenti elettronici che siano omologati per il controllo del traffico, al telecontrollo in remoto della copertura assicurativa.

Il decreto Sblocca Italia dovrebbe inserire tra le norme del Codice della strada la modifica la modifica dell’articolo 201, cosa già comunque tentata più volte in passato.

Sostanzialmente, Autovelox, Tutor e T-Red, che già sono abilitati a leggere la targa dei veicoli, saranno collegati ad un database centrale che verrà aggiornato dalle compagnie assicurative e dal Ministero dei Trasporti. Ogni volta che una targa verrà rilevata ne sarà verificata la presenza all’interno del database così da assicurarsi della propria copertura assicurativa. Giova inoltre ricordare che le targhe potranno essere “rilevate” anche non in presenza di eccesso di velocità.

Qualora l’auto dovesse risultare sprovvista di copertura assicurativa, il proprietario dovrà esibire il certificato assicurativo entro pochi giorni dall’infrazione. In caso di mancata presentazione, scatterà una multa di 419 euro oltre a quella di 841 euro ed alla definitiva confisca del veicolo dovuti alla mancata copertura assicurativa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quindici − sei =