Bartolomeo Giachino (FI): Riforma porti non con maggioranze eccezionali

Apprendiamo dal suo sito web personale che il responsabile nazionale trasporti e logistica di Forza Italia, Bartolomeo Giachino, insieme a Sandro Biasotti (capogruppo FI della Commissione Trasporti Camera) e Vincenzo Gibiino (capogruppo FI della Commissione Trasporti Senato), ha inviato una lettera aperta al Governo nella quale i tre esprimono insoddisfazione dopo aver appreso dalla stampa la notizia del raggiungimento di un accordo Lupi-Serracchiani (PD) per la riforma delle Autorità portuali.

“Dopo i disastri – si legge nella lettera – di cui ci  si accorge solo oggi, dopo vent’anni, di una riforma come quella dell’articolo V che costa un aumento della spesa di decine di miliardi anno e una lentezza nei processi decisionali che ci mette fuori dalla  competizione mondiale, pensare di fare la Riforma dei Porti a colpi di maggioranza ci sembra un errore tragico.I porti sono forse il più importante asset strategico del nostro Paese per un ritorno alla crescita economica e occupazionale. I porti sono una struttura fondamentale per il turismo e per le merci e lo sviluppo logistico del Paese e non possono essere lasciati a maggioranze di governo eccezionali e che non hanno la maggioranza, come è stato detto lucidamente nella direzione del Pd, nel Paese”.

Forza Italia, spiegano Giachino e i capigruppo, vuole una riforma forte e coraggiosa per dare un forte impulso alla crescita economica del Paese ed è disponibile a discutere nella Commissione presieduta dal Senatore Matteoli “una proposta che valga più di un cappuccino e che aiutando il rilancio dei porti aiuti il rilancio economico del nostro Paese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × tre =