Bartolomeo Giachino (FI): Sulla sicurezza stradale non si gioca

“Oggi entra in vigore la norma che di fatto depenalizza chi guida avendo assunto droga o alcol così come si depenalizza l’omissione di soccorso. Il Governo dice una cosa e di fatto ne fa un’altra”. Lo ha dichiarato il responsabile nazionale dei trasporti di Forza Italia,  Bartolomeo Giachino.

L’ex sottosegretario alle infrastrutture ed ai trasporti ha poi aggiunto:  “Il Governo a parole si pronuncia per la sicurezza stradale e preannuncia decreti sull’omicidio stradale che non arrivano e dall’altra toglie l’obbligatorietà della azione penale per chi viene trovato alla guida con un tasso alcolico superiore ai limiti previsti dall’ultima riforma del Codice della Strada (Legge 120/2010 che per conto del Governo Berlusconi ho seguito in Parlamento) e che ha consentito di ridurre negli ultimi 4 anni di oltre 1.000 morti l’anno.”

“Dal 2003 ci siamo impegnati, come mai prima, sulla sicurezza stradale – ha proseguito Giachino – e con due Leggi importanti, la Patente a punti del 2003 e la Riforma del Codice della Strada del 2010, abbiamo dimezzato incidenti e mortalità (dai 7.000 del 2002 ai 3.200 del 2014), abbiamo dimezzato le stragi del sabato sera e ora in un colpo solo il Governo Renzi abbassa la guardia? Non solo si riesce a procedere con il reato di omicidio stradale ma si abbassa la guardia su un tema che riguarda la sicurezza di tutti e si depenalizza pure l’emissione di soccorso? Era meglio non rottamare per fare queste schifezze.”

“Mi appello alla Dr.ssa Manzione – ha concluso Giachino – che di sicurezza stradale e di norme del Codice se ne intende oltre che ai Dirigenti del Ministero dei Trasporti per correggere immediatamente questa norma. Con la sicurezza stradale non si scherza e Forza Italia che su preciso input del Presidente Berlusconi su questa materia si è impegnata molto negli ultimi dodici anni non demorderà”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × due =