Bartolomeo Giachino: sicurezza stradale, più controlli e scatola nera

Intervenendo in un dibattito a Chiavari sulla sicurezza stradale, il responsabile nazionale trasporti di Forza Italia, Bartolomeo “Mino” Giachino, ha sostenuto che le norme per la sicurezza stradale ci sono e sono severe: occorre applicarle e farle applicare, aumentando i controlli da parte delle Forze dell’ordine.

Invito i Ministri Lupi e Alfano a rilanciare, implementandolo, il protocollo firmato nel 2009 dai Ministri Matteoli e Maroni e che ha dato ottimi risultati.

Con la legge sulla Patente a Punti del 2003 e il Codice della Strada riformato nel 2010 (entrambe sotto l’egida di due Governi Berlusconi) con la legge 120 incidenti e morti sono stati dimezzati (da 7.000 a 3.400 anno). Nella attesa di nuove riforme si applichino bene, con più controlli, le norme sulla sicurezza stradale che ci sono perché’ il nostro Paese non può perdere 3.400 vite umane all’anno per incidenti stradali.

La crisi economica e l’alto costo delle assicurazioni hanno fatto aumentare il numero dei mezzi che circolano senza copertura assicurativa supera i tre milioni.

Nel dibattito è emersa con forza l’esigenza dell’utilizzo della cosiddetta scatola nera a bordo dei mezzi in circolazione.

La scatola nera funzionerebbe come deterrente per una guida più attenta, ridurrebbe le frodi assicurative e agevolerebbero notevolmente il servizio delle forze dell’ordine.

L’aumento della sicurezza stradale in futuro potrà arrivare secondo Giachino dall’aumento della prevenzione. Maggiori controlli, educazione stradale nelle Scuole e nei locali di ritrovo. Le norme severe ci sono occorre farle applicare.

Il primo obiettivo dovrebbe essere la prevenzione attraverso la quale aumentare la sicurezza stradale e dei cittadini. Puntare sullla severità delle pene per chi ha commesso reati è importante ma non soddisfacente soprattutto per chi, da padre di famiglia e da credente, ritiene la vita umana un valore assoluto e quindi dobbiamo fare di tutto per salvaguardarla.

c.s.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno + 8 =