Bella (AITRAS): La situazione rischia di sfuggirci di mano, Governo ci convochi

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato del presidente di AITRAS, Salvatore Bella, che fornisce un aggiornamento della situazione sul fermo nazionale dell’autotrasporto attualmente in atto, tra gli altri, dalla sua associazione e da Trasportounito.

Il testo del comunicato.

La convocazione del Ministro Lupi ancora non arriva. La situazione rischia di sfuggirci di mano. Gli autotrasportatori vogliono uscire dai piazzali dove sono stati rilegati e andare a occupare porti, aeroporti e maggiori snodi autostradali. Chiediamo al Presidente del Consiglio Enrico Letta che intervenga a mettere fine al braccio di ferro messo in atto dal Ministro Lupi (e dall’Unatras, alter ego del Ministro) e gli autotrasportatori. Ha il dovere di sentire le nostre ragioni e non, come fatto fino ad ora, barricarsi dietro un “abbiamo concesso tutto”. Non siamo matti, nè ci siamo alzati una mattina decidendo di fermarci senza ragioni. Sono mesi che le nostre richieste vengono ignorate, nonostante abbiamo dimostrato per due volte al Sottosegretario Girlanda il nostro senso di responsabilità, revocando due fermi proclamati. Ma il protocollo d’intesa firmato con Unatras è stato il suggellamento del tradimento agli autotrasportatori che aspettavano fiduciosi. I fondi messi a disposizione non aiuteranno gli autotrasportatori ed è per questo che è necessario un incontro, per spiegare perchè non serviranno a nulla. 

Intanto ci stiamo preparando a un Tir lumaca in tutta la Sicilia.

Salvatore Bella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre + tredici =