Camionista impiega un’ora per percorrere 7 km sull’A26

“Ho impiegato un’ora per fare 7 km, mentre normalmente impiego 15 minuti” ha dichiarato Fabio Pittaluga Olivieri, secondo quanto riportato dall’agenzia Ansa, un camionista che si è trovato a transitare sulla A26 dopo la riapertura dell’autostrada con il restringimento di carreggiata per permettere le verifiche di stabilità sui ponti Fado e Pecetti.

“Sono giorni di odissea per noi”. Il percorso a cui fa riferimento, aggiunge Ansa, è quello compreso dalla uscita dal terminal portuale del Vte all’ingresso della A26 fino al restringimento dell’autostrada. “Così il porto muore, per noi è un aggravio di costi, cresce il prezzo al chilometro del trasporto e la merce è a rischio perché arriva tardi a destinazione. E’ una tegola: altro che ponte Morandi”.

Lo sfogo del camionista – conclude Ansa – è dovuto non solo alla situazione della A26, ma anche alla chiusura della A6 per il crollo del viadotto Madonna del monte. “Ci sono colleghi che sono costretti a percorrere 50 km più del percorso normale per arrivare al porto di Savona, altri percorrono la A7 creando lunghe file: è un calvario”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × uno =