CCNL trasporto, spedizione merci e logistica, acconto sugli aumenti ma CNA-Fita non firma

Nella giornata di giovedì 6 giugno 2013, nell’ambito della trattativa sul rinnovo del contratto nazionale trasporti merci e logistica, è stato stabilito tra le parti che a partire da giugno 2013 venga erogato l’acconto relativo agli aumenti futuri. Si tratta di importi la cui entità varia da € 44,81 (quadri) a € 26,51 (livello 6J).

Si tratta di un provvedimento che, di fatto, annulla l’indennità di vacanza contrattuale che doveva entrare in vigore a partire da maggio 2013. Ciò si è reso necessario a causa del ritardo del rinnovo del CCNL spedizioni, trasporto e logistica.

Durante la trattativa sul rinnovo del contratto nazionale trasporto merci e logistica, le parti hanno stabilito che da giugno 2013 sarà erogato l’acconto sui futuri aumenti. Gli importi variano da 44,81 euro dei quadri a 26,51 euro del livello 6J.

Giova segnalare, tuttavia, che l’associazione CNA-Fita non ha firmato la parte del contratto relativa agli aumenti asserendo che ad essi non corrispondono misure atte a contenere i costi delle aziende e che nella situazione attuale non è possibile per le aziende sapere quanto dovranno pagare al termine della trattativa per il rinnovo contrattuale, dunque non vi sono, per l’associazione presieduta da Cinzia Franchini, le condizioni per firmare.

Qui di seguito il dettaglio degli aumenti suddiviso per tipologia di contratto di assunzione.

– Quadri: 44,81 euro
– 1° livello: 42,16 euro
– 2° livello: 38,71 euro
– 3° livello S: 35,00 euro
– 3° livello: 33,94 euro
– 4° livello S: 32,35 euro
– 4° livello J: 31,55 euro
– 5° livello: 30,76 euro
– 6° livello S: 28,90 euro
– 6° livello J: 26,51 euro

 

© camionistionline.com –  riproduzione riservata

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather