CNA-Fita contro gli esagerati costi della dimostrazione della capacità finanziaria nell’autotrasporto

in Associazioni - Enti - Istituzioni/Attualità/Copertina

L’associazione CNA-Fita ha diramato un comunicato stampa, pubblicato sul proprio sito web, nel quale denuncia che le aziende di autotrasporto italiane sono costrette a sostenere spese che superano i 50 milioni di euro annui per dimostrare la capacità finanziaria, elemento necessario, ricordiamolo, per poter essere iscritti (e rimanervici) all’Albo Autotrasportatori conto terzi.

Qui di seguito il testo integrale del comunicato.

 

Per dimostrare la capacità finanziaria l’autotrasporto italiano spende oltre 50 milioni di euro l’anno

Per dimostrare la capacità finanziaria l’autotrasporto italiano spende oltre 50 milioni di euro l’anno. La CNA-Fita si scaglia contro gli inutili balzelli  imposti alle imprese dallo Stato e dalle lobby parassitarie. L’Associazione artigiana lancia l’allarme di un ennesimo caro accise per finanziare l’abolizione/rimodulazione dell’IMU e invita la neo costituita Autorità dei Trasporti a congelare anche l’aumento dei pedaggi autostradali pronto tra settembre e gennaio.

Nei giorni scorsi i dati elaborati e pubblicati dal centro studi CNA hanno reso bene l’idea di quanto e come sia grave e dolorosa la ferita inferta da 5 anni di crisi all’artigianato italiano. Da gennaio a giugno 2013, sono più di 21.000 le imprese artigiane chiuse e la previsione è di ulteriori 40.000 unità produttive in chiusura, con oltre 100.000 posti di lavoro a rischio. Non fa certo eccezione l’autotrasporto che in questi ultimi anni ha visto la serrata di circa 10.000 aziende ma che soprattutto continua a subire, mese dopo mese, l’aumento indiscriminato dei costi operativi imputabili al caro gasolio, al caro assicurazioni, al caro pedaggi e traghetti. CNA-Fita invita quindi la politica a fare tutto il possibile affinché norme anche giuste ed opportune non si trasformino in ulteriori balzelli. “Non vorremmo – ha dichiarato Cinzia Franchini presidente nazionale – per esempio che il legittimo recepimento di normative europee si trasformi nell’ennesimo alibi per le solite lobby pronte a colpire le nostre imprese. E’ già accaduto e sta ancora accadendo, prosegue Franchini, laddove i nostri imprenditori, a partire dallo scorso anno, stanno versando in media 500 euro ognuno, nelle casse delle assicurazioni o delle banche, per dimostrare il requisito della capacità finanziaria indispensabile per mantenere l’iscrizione all’Albo (e quindi per lavorare). Se pensiamo che le imprese iscritte all’Albo degli autotrasportatori in conto terzi sono 103.881 stiamo parlando di oltre 50 milioni di euro (le stime sono prudenziali) che di fatto si sono trasformati in una odiosa tassa che potenti lobby, assicurative e bancarie, hanno imposto al nostro sistema produttivo. A breve, ha continuato il presidente CNA-Fita, arriverà ancora l’ennesima stangata dei pedaggi e chissà se la neo costituita Autorità dei Trasporti saprà, almeno questa volta, scongiurarla richiamando i concessionari autostradali al loro primo dovere, spesso disatteso, di investire e migliorare le infrastrutture e i servizi in concessione. Ma non basta. Infatti l’estate rovente del 2013 nasconde l’ennesima provocazione per un settore, quello della mobilità delle merci e delle persone, stremato dal caro accise: non sarà che l’eliminazione/rimodulazione dell’IMU ce la ritroveremo alla pompa con il puntuale rincaro percentuale delle tasse sui carburanti?

Roma, 12.08.2013

CNA-Fita Trasporto merci e persone

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimi articoli di Associazioni - Enti - Istituzioni"