CNA-Fita: Renzi affronti questione concessionarie autostradali

L’associazione CNA-Fita è intervenuta attraverso un comunicato ufficiale sulla questione aperta dall’Antitrust secondo cui i prezzi del carburante in autostrada sarebbero alti e fuori mercato a causa delle pesanti royalties che le compagnie petrolifere e gli stessi gestori devono versare alle concessionarie autostradali. sollecitando il Governo affinchè intervenga in tal senso.

Qui di seguito il testo integrale del comunicato.

L’Antitrust, su parere richiesto dal Mit, non ha dubbi: in autostrada i prezzi dei carburanti sono più alti e fuori mercato anche a causa delle pesanti royalty che i gestori e le compagnie petrolifere devono versare alle società concessionarie.  A rivelarlo è un articolo de Il Fatto Quotidiano di domenica a firma della giornalista Elena Veronelli.  Sull’ennesima denuncia mediatica non vorremmo registrare l’inerzia politica dei Governi passati ad intervenire in modo risolutivo sul problema. La CNA-Fita l’ha denunciato con forza più volte. La gestione delle autostrade in concessione è fuori mercato e intollerabile e ricordiamo che l’autotrasporto e il trasporto persone sono tra i settori più colpiti da simili oligopoli. Lo abbiamo segnalato per la prima volta nel 2011, insieme ai gestori di carburante, lo abbiamo ripetuto nel 2012, nel 2013 e 2014 sul tema degli aumenti intollerabili dei pedaggi in barba ad ogni regola sulla concorrenza e sulla sostenibilità economica di simili gestioni per gli utenti. Dal ministro Lupi, tante parole, molte promesse e pochi fatti. Per questo CNA-Fita chiede al Governo e ai ministeri competenti (Mit e Mise) di convocare, con la massima urgenza, l’autotrasporto per chiarire quali saranno i provvedimenti che si intende predisporre per affrontare il caro-pedaggi e il caro carburante in modo credibile. “Al Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, – ha dichiarato Cinzia Franchini presidente nazionale CNA-Fita – ribadisco che condividiamo l’intendimento di cambiare verso al paese e per questo gli ricordiamo che il luogo migliore per iniziare a farlo rimane Aiscat l’associazione che rappresenta i concessionari autostradali. Lì si deve tornare ad affrontare il nodo delle concessioni, dei pedaggi e oggi anche il tema spinoso della concorrenzialità nell’erogazione del carburante all’interno della rete autostradale. E’ talmente vero ed evidente tutto ciò – ha ribadito Cinzia Franchini – che anche il presidente di Aiscat, nonché presidente di FAI Service, Fabrizio Palenzona, continua ad inaugurare punti vendita di carburante a ridosso degli ingressi della rete autostradale, come per esempio l’ultimo all’uscita autostradale A33 Cuneo-Centro. Non vorremmo – ha concluso Cinzia Franchini – che il Governo, su alcuni temi e con certe gestioni, si trasformi anch’esso in un corpo intermedio che lo stesso presidente Renzi ha definito inutile”.

Roma, 10 giugno 2014 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × quattro =