Da Verona l’autotrasporto chiede meno burocrazia

Venerdì 1° marzo 2013, all’interno di Transpotec Logitec presso Veronafiere, si è svolto il Forum Internazionale della Logistica e dell’Autotrasporto. Il messaggio, chiaro, che ne è uscito è la richiesta di minor burocrazia per sviluppare le infrastrutture, maggiore agilità nel funzionamento delle dogane, più forte orientamento all’internazionalizzazione delle imprese e un appello alle istituzioni: la logistica e il trasporto sono un «asset» strategico per lo sviluppo del Paese. Non possono essere dimenticati.

Il presidente di Fiera Milano, Michele Perini, secondo quanto riporta il quotidiano “L’Arena”, ha detto: “Chi ferma le infrastrutture, ferma il Paese. Occorre investire su di esse e abbreviare i tempi per la loro realizzazione, spesso rallentata dalla burocrazia. Oggi troppi ostacoli burocratici e lentezze decisionali determinano un aumento dei costi per la logistica – ha aggiunto Perini – e rischiano di ridurre lo sviluppo delle imprese”.

Sempre secondo quanto riporta L’Arena, Marco Melacini dell’Osservatorio sulla Contract Logistics del Politecnico di Milano ha sottolineato come la propensione all’internazionalizzazione rappresenti infatti una risorsa importante per crescere e come secondo una recente indagine svolta tra i gestori di aziende di logistica e trasporto italiane ci sia ancora poca fiducia e poco coraggio nel guardare oltre confine. Allo stesso modo, molte imprese sembrano più propense a servirsi di operatori logistici solo per funzioni poco specializzate e non servendosi ancora pienamente di servizi evoluti e maggiormente sinergici con il mercato. In questo senso il settore è in evoluzione e soltanto una maggiore coesione tra tutti gli operatori porterà a un pieno sviluppo dell’efficienza nei sistemi logistici.
© camionistionline.com –  riproduzione riservata

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather