Dal 1° gennaio 2015 nuova legge sul salario minimo in Germania

A partire dalla giornata di giovedì 1° gennaio 2015, in Germania, è entrata in vigore una nuova legge (Mindestlohgesetz) sul salario minimo in virtù della quale tutti i dipendenti (anche stranieri) che lavorino in terra di Germania siano compensati con un salario minimo obbligatorio di € 8,50.

Si tratta di una legge che non si applica ai lavoratori autonomi ma soltanto ai dipendenti con l’obiettivo di combattere il lavoro nero e l’anti-dumping e che riguarda dunque anche le aziende italiane con dipendenti che svolgano attività di trasporto internazionale di merci e di persone con destinazione, transito e cabotaggio in Germania.

Tali aziende, dunque, dovranno garantire ad ogni dipendente che svolga attività di trasporto in Germania un salario minimo obbligatorio di € 8,50 (lordi) all’ora. Qualsiasi salario inferiore a tale cifra verrà considerato “lavoro nero” e potrà dunque essere sanzionato con cifre fino a 500mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno + 3 =