Dalle revisioni auto il 9,4% del fatturato delle officine

2.519 milioni di euro. È questo il fatturato 2012 per l’attività di revisione di autoveicoli delle officine private autorizzate a svolgere questo servizio per conto dello Stato. Sul totale del giro d’affari delle officine di autoriparazione l’attività di revisione incide per il 9,4%. È un apporto importante, ma quel che più conta in questo momento è il fatto che si tratta di un apporto sicuro in quanto è legato all’adempimento di un preciso obbligo di legge e non è quindi influenzato dall’andamento dell’economia.

Proprio le difficoltà della congiuntura nel 2012 hanno determinato, per la prima volta da molti anni, un calo del fatturato per le riparazioni di autovetture, anche se va sottolineato che il calo è stato inferiore a quello del giro d’affari per l’acquisto di autovetture, per cui il fatturato dell’autoriparazione ha superato per la prima volta quello della vendita di auto nuove.

L’attività di revisione è dunque per le officine di autoriparazione autorizzate ad esercitarla un provento sicuro anche se non particolarmente remunerativo in quanto le tariffe vengono fissate con decreto del Ministero dei trasporti. Sulle officine autorizzate ad eseguire revisioni l’Osservatorio Autopromotec ha svolto una indagine per accertare il grado di soddisfazione per questo tipo di servizio svolto per conto dello Stato.

Alle officine interpellate è stato chiesto di dare un voto in una scala da uno a dieci ai principali aspetti dell’attività. Come mostra la tabella, l’elemento che viene ritenuto maggiormente gratificante dalle officine di revisione è l’apporto positivo in termini di immagine che all’officina viene dal fatto di compiere controlli obbligatori per conto dello Stato. Positivi anche i giudizi sui rapporti con la Motorizzazione Civile e sull’attività complessivamente considerata. Meno favorevoli invece i giudizi sugli aspetti più squisitamente economici. Dati i tempi comunque un business sicuro è interessante anche se poco remunerativo.

 

c.s.

 

 

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather