Un distributore di carburante su 3 in Italia è irregolare

Nell’ambito di un piano estivo di controlli a tutela dei consumatori, la Guardia di Finanza ha svolto un’operazione contro le frodi effettuando controlli su 800 distributori stradali di carburante in tutta Italia. Le contestazioni sono 230, i litri di carburante sequestrati circa 780 mila. Le verifiche, tuttavia, sono ancora in corso.

Una nota della Guardia di Finanza riferisce che “Le irregolarità al momento contestate sono 230, tra cui un centinaio di violazioni alla disciplina sui prezzi, con sanzioni amministrative a carico dei gestori degli impianti e nei casi più gravi la denuncia di 33 responsabili alle Procure della Repubblica competenti, il sequestro di 93 colonnine, 449 pistole erogatrici ed oltre 780 mila litri di prodotti petroliferi».  

Gli impianti controllati sono stati selezionati dalla Guardia di Finanza sulla base di un’analisi di rischio, considerando anche le segnalazioni degli automobilisti. Durante i controlli veniva controllato se il carburante erogato corrispondesse effettivamente a quello indicato dalle colonnine e quindi, conseguentemente, pagato dagli utenti e l’eventuale presenza nel liquido di altre sostanze dannose per le auto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 5 =