E’ di un camionista il cadavere ritrovato nella galleria di Tarvisio

Aveva destato scalpore il ritrovamento del corpo ormai mummificato di un uomo in una nicchia della galleria ferroviaria di Tarvisio, in provincia di Udine.

il blog “Stradafacendo” rivela che quel corpo, notato da un tecnico addetto alla manutenzione del tunnel lo scorso 31 ottobre, oggi ha un’identità, quella  del 44enne Kestutis Valentinavicius, camionista lituano, la cui fine resta tuttora avvolta nel mistero.

Le operazioni di riconoscimento, che sono durate quasi tre mesi, hanno dato a quel cadavere un nome e un cognome grazie agli esami del Dna, ma non hanno ancora svelato le cause della morte del camionista, scomparso il primo giugno scorso da una piazzola di sosta di Arnoldstein (Austria).

Era stato il cognato, con cui era in viaggio, a segnalarne la scomparsa, ma le ricerche della polizia non diedero esito fino al ritrovamento di quel corpo avvenuto, come detto, lo scorso 31 ottobre.

L’autopsia,  eseguita dal medico-legale Lorenzo Desinan, ha riscontrato “schiacciamenti al torace e allo sterno”, non compatibili con un decesso per cause naturali, ma probabilmente neppure con l’investimento da parte di un treno.  Ora gli inquirenti attendono l’arrivo dei genitori e del cognato del camionista lituano per cercare di mettere qualche tassello in più nel mosaico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 + diciannove =