Ethel Bianchi vince il Sabo Rosa 2017

Nella giornata di mercoledì 8 marzo 2017, Roberto Nuti ha assegnato il Sabo Rosa 2017,  riconoscimento dedicato alle donne che lavorano nella filiera del trasporto pesante, che siano impiegate nell’autotrasporto o nella logistica, passando per officine e ricambisti che quest’anno è andato a Ethel Bianchi che si è aggiudicata il prestigiosissimo ammortizzatore
Camionista “da generazioni” – come riporta notiziariomotoristico.com (da cui è tratta la fotografia) – visto che il padre faceva l’autotrasportatore, così come la zia, Ethel Bianchi ha cominciato a trasportare frutta da giovanissima e dopo qualche tempo ha deciso di provare con il trasporto passeggeri.

Sono sempre stata attratta da questo mondo, anche se agli inizi non è stato semplice – ha dichiarato Ethel Bianchi al momento della premiazione. – Ricevere il Sabo Rosa significa molto per me, perché finalmente c’è qualcuno che riconosce alle donne il valore che hanno in un ambiente difficile, e molto ‘maschile’, come quello del trasporto”.

A sceglierla, sulla base delle candidature pervenute attraverso il web e in seguito a una votazione online, è stata una giuria composta da tre giornalisti e dalle dipendenti del main sponsor dell’iniziativa, l’azienda Roberto Nuti Group di Bologna, realtà internazionale con alto tasso di occupazione femminile e produttrice dei ricambi a marchio Sabo.

Elisabetta Nuti, direttore finanziario dell’azienda Roberto Nuti Group e presidente della giuria, nel consegnare il premio, ha motivato così la scelta: “Quest’anno la giuria ha deciso di assegnare il Sabo Rosa a Ethel Bianchi per sottolineare l’impegno e la gioia che questa donna mette nel proprio lavoro, apprezzato da tutti coloro che negli anni ha portato in viaggio per l’Europa. Ethel ha ricevuto una grande quantità di voti online, da persone che hanno deciso di premiare il suo entusiasmo, la sua storia e la sua professionalitàIl Sabo Rosa, giunto quest’anno all’ottava edizione – ha sottolineato Elisabetta Nuti -, continua a evidenziare come in ogni mestiere, e in particolare quello dell’autista di mezzi pesanti, le persone possano esprimersi con passione e amore: due caratteristiche che le donne possiedono in modo naturale. Quello dell’autotrasporto è un mondo sicuramente complicato e competitivo ma oggi, grazie a Ethel e alla sua storia, fatta di sacrifici, competenza e perseveranza, possiamo raccontarne il lato risoluto e solare“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 2 =