opinioni su rimorchi semirimorchi trailer carrelloni bighe rallati e trainati

Discussioni sui nostri bolidi e tutto ciò che loro concerne.
Avatar utente
u cardolu
neo-patentato
neo-patentato
Messaggi: 74
Iscritto il: lunedì 4 maggio 2015, 9:24
Località: cardeto reggio calabria

opinioni su rimorchi semirimorchi trailer carrelloni bighe rallati e trainati

Messaggioda u cardolu » domenica 27 ottobre 2019, 7:40

se fosse possibile vorrei avere da voi tutti utenti della strada una opinione sui rimorchi che trainate , quale a vostro avviso i piu affidabili e robusti, vogliamo stilare una classifica dei costruttori italiani europei?
dei road train cosa ne dite?

Immagine



Immagine


Immagine

Immagine

Immagine
Immagine

timonati rallati.agricoli carrelloni trailer bighe
Il rimorchio è un veicolo sprovvisto di motore, destinato ad essere trainato da parte di autoveicoli equipaggiati con sistemi di traino opportuni ed, all'occorrenza, anche con opportuno sistema di frenatura, che assumono il nome generico di motrici. Si differenzia dal semirimorchio perché a differenza di quest'ultimo scarica il proprio peso esclusivamente sui suoi assi.


Allestiti su un telaio con equipaggiamenti specifici per le attività a cui sono destinati, siano esse centine, cisterne, silos o per agganciare container, sono di costruzione evidentemente più complessa rispetto a quelli suindicati per le autovetture.

Dispongono di impianto frenante molto più potente, funzionante ad aria compressa, comandato tramite rinvio dall'autocarro trainante. Anche l'impianto di aggancio è sovradimensionato, visto le masse in gioco, ed è composto di una campana installata sul retro del camion su cui si incastra il timone del rimorchio stesso grazie ad un piolo in acciaio.

La disposizione ed il numero degli assi è variabile in base alla lunghezza e alla portata; ad esclusione della combinazione di 2 assi situati centralmente (utilizzata nella combinazione di autotreno grande volume) è composta di un asse anteriore sterzante e di 1 o più assi nella parte posteriore.

Le lunghezze medie variano tra i 6 e gli 8 m mentre le portate, fermo restando le limitazioni del peso per asse, sono anche in dipendenza del peso del veicolo trainante con cui concorre a formare il peso totale a terra che non bisogna superare ed è codificato in maniera diversa nelle varie nazioni (in Italia è fissato in 44 t)

Di altro tipo rispetto ai precedenti possono essere considerati i rimorchi che si agganciano ai trattori agricoli: la differenza sostanziale con i rimorchi per autocarri, secondo la norma italiana, è nei dispositivi di aggancio: nei rimorchi agricoli è l'occhione (cioè il dispositivo di aggancio del rimorchio) ad avere possibilità di rotazione lungo l'asse di trazione, mentre il gancio della trattrice è fisso, al contrario di ciò che accade nei rimorchi per autocarri. Per il resto i rimorchi agricoli rispettano sostanzialmente gli stessi standard (dimensioni e pesi) dei rimorchi per autocarri, ma spesso hanno un impianto frenante meno dimensionato in ragione della minore velocità massima ammessa (solo 40 km/h), tanto che in qualche caso si tratta di rimorchi industriali modificati esclusivamente nel dispositivo di aggancio.

I rimorchi agricoli, come i rimorchi per autocarri, sono sottoposti all'obbligo di immatricolazione (pur se hanno targa e sistema di numerazione diversi), inoltre devono essere muniti di tutti i dispositivi di segnalazione ed illuminazione previsti per gli altri rimorchi (ad esempio, sul posteriore: catadiottri triangolari, tabelle retroriflettenti per rimorchio, luci di posizione, stop e frecce, targa aggiuntiva ripetitrice di quella del trattore).

Ai rimorchi agricoli circolanti su strada, secondo il codice italiano, non può essere accodato alcun altro veicolo trainato, benché alcuni modelli siano muniti di gancio di traino posteriore utilizzabile solamente su campo.

Va precisato che per rimorchio agricolo si intende ogni veicolo destinato al traino da parte di trattrici agricole e che sia atto al trasporto di cose (prodotti agricoli, materiali, macchine agricole o altro). Tutti gli altri veicoli muniti di ruote, sprovvisti di motore e "accodabili" a trattrici agricole sono classificati come "macchine operatrici agricole trainate o semiportate", dove la differenza tra "trainato" e "semiportato" sta esclusivamente nell'utilizzo del gancio di traino per rimorchi o gancio di traino analogo, oppure nell'utilizzo di altri dispositivi di aggancio (come l'attacco a tre punti). Secondo il codice italiano le operatrici agricole trainate o semiportate hanno molte meno prescrizioni dei rimorchi agricoli: non devono essere immatricolate, non hanno l'obbligo di impianto frenante, e la loro omologazione/approvazione è tuttora facoltativa: permangono invece gli obblighi sui dispositivi di illuminazione e segnalazione (diversi da quelli dei rimorchi), e di targa ripetitrice se quella della trattrice non è visibile.

Un rimorchio agricolo può essere dotato anche di dispositivi assimilabili a quelli delle operatrici, tuttavia mantiene la classificazione di rimorchio agricolo se è anche atto al trasporto, è il caso ad esempio delle autocaricanti.
Con il termine biga si identificano tutti i rimorchi ed i veicoli ad essi assimilabili in cui l'asse (o gli assi) è disposto in stretta prossimità del baricentro. Le bighe, similmente ai comuni rimorchi, scaricano il proprio peso totalmente sui propri assi e consentono anche proprietà di manovrabilità superiore ai comuni rimorchi. Come controparte durante le svolte si determina un grande sbalzo verso l'esterno della curva della parte posteriore del rimorchio, sbalzo che non può essere "controllato" visivamente e che determina un certo rischio di urti con altri veicoli e/o oggetti fissi.

Il semirimorchio è un veicolo senza motore destinato ad essere trainato da parte di un trattore stradale con cui, in abbinamento, forma un complesso veicolare definito autoarticolato. Il termine semirimorchio deriva dal fatto che il veicolo scarica parte del proprio peso sui suoi stessi assi e parte sulla ralla del trattore stradale che lo traina per cui, da un punto di vista fisico, è trainato solo per metà.

Il suo scopo è quello di trasportare le merci in un comparto separato dall'abitacolo e la sua caratteristica principale è quella di poter essere facilmente sganciato e riagganciato, in modo da poter essere trainato da trattori stradali diversi. Il semirimorchio può essere dotato dei più svariati allestimenti, ma frequente è il suo uso nel comparto dei trasporti intermodali con il traino iniziale via strada il suo carico su un vagone ferroviario e il successivo recupero a destinazione da parte di un altro trattore per il trasferimento alla destinazione finale.

Normalmente la sua struttura è composta di un telaio con uno o più assi di ruote (la configurazione più comune è quella a 3 assi), anche gemellate, ubicati nella parte posteriore. In alcuni casi l'ultimo asse può essere autosterzante, ossia con la capacità di sterzare automaticamente a seconda della direzione di marcia del complesso veicolare; questo sistema consente un raggio di svolta minore nonché un notevole risparmio dell'usura degli pneumatici, anche se causa un certo aumento di tara. È abbastanza diffuso anche il sollevatore per il primo asse, che consente di alzare tutto l'assale; è utilizzato nei trasferimenti a vuoto o in condizioni di carico minimo, in maniera tale da ridurre l'usura degli pneumatici ed il consumo di carburante.

Nella parte anteriore il semirimorchio è dotato di un perno e di una controralla: il perno si aggancia alla ralla del trattore, nella quale è posto un meccanismo che lo blocca automaticamente, mentre la controralla si appoggia sulla ralla del mezzo trainante, scaricando parte del peso del semirimorchio su di esso e consentendo la rotazione reciproca dei due veicoli; ovviamente le superfici di contatto devono essere convenientemente ingrassate. Una leva di bloccaggio azionata manualmente rende l'aggancio sicuro, impedendo lo sganciamento accidentale del semirimorchio anche in caso di avaria del meccanismo interno alla ralla.

Tra gli assi posteriori e la ralla del semirimorchio, ma più vicini a quest'ultima, sono posti due piedi metallici retrattili per la stabilità in caso di sosta; sono talvolta forniti di impianto idraulico che ne consente il sollevamento in condizioni di marcia ma nella maggior parte dei casi sono azionati da un riduttore manuale dotato di due differenti rapporti, uno lento per il sollevamento del semirimorchio carico ed uno veloce per il sollevamento a vuoto.

Le dimensioni massime di ingombro e di portata sono sempre state definite a livello di Stato e hanno subito nel tempo delle variazioni in aumento. Tendenzialmente è stata cercata in ogni caso la maggiore armonizzazione delle norme a livello sovranazionale, in particolare a livello europeo le regolamentazioni sono ormai a livello comunitario[1][2] Sul telaio che, per quanto riguarda la CEE, nelle sue più recenti disposizioni può raggiungere una superficie interna utile di 13,60 x 2,50 m (con la possibilità teorica di poter stivare sul piano di carico 34 pallet del tipo più generico, l'Europallet da 120 x 80 cm di base) viene predisposto un allestimento in base alle necessità specifiche, passando dal classico e generico "centinato" adatto al carico di merci generiche, per passare a semirimorchi dotati di semplici sponde laterali e utilizzati per il carico di merci lunghe che non necessitano di particolari protezioni. Molto diffusi sono anche i semirimorchi coibentati o frigoriferi per il trasporto di merci deperibili e altrettanto lo sono quelli forniti semplicemente di appositi ancoraggi dove fissare delle casse mobili o dei più comuni container.

Gli ingombri massimi ammessi sono maggiori negli Stati Uniti d'America[3].

Il veicolo trainato non è solitamente fornito di impianti motorizzati autonomi e per impianti frenanti ad aria, nonché per la sua illuminazione e per eventuali attrezzature elettriche, è collegato direttamente al veicolo trainante.

Il semirimorchio è anche soggetto ad immatricolazione e a targa separata che viene apposta in modo fisso sul mezzo stesso. In Italia fino a gennaio 2013 sul suo retro era necessaria una targa ripetitrice del mezzo trainante, in altri stati invece questa non è mai stata necessaria.


nenti avia, nenti aiu dunni vinni mindi vaiu

u cardolu
neo-patentato
neo-patentato
Messaggi: 74
Iscritto il: lunedì 4 maggio 2015, 9:24
Località: cardeto reggio calabria

Re: opinioni su rimorchi semirimorchi trailer carrelloni bighe rallati e trainati

Messaggioda u cardolu » venerdì 8 novembre 2019, 17:49

rimorchi wielton polonia
Wielton SA - una società polacca con sede a Wieluń . Appartiene al gruppo di tre maggiori produttori di semirimorchi, rimorchi e carrozzerie in Europa ed è tra le otto maggiori imprese del settore al mondo

La società con il nome di Wielton è stata fondata nel 1996. I fondatori erano Ryszard Prozner e Krzysztof Tylkowski, che in precedenza gestivano un'officina automobilistica, fabbricando chiodi e trasformando semirimorchi importati di trattori . Nel corso del tempo, sono stati prodotti i propri semirimorchi e nel 1999 è stata commissionata una nuova sala di montaggio. I magazzini sono stati ampliati nel 2004. Dal 2006, i fratelli Paweł e Mariusz Szataniak hanno assunto il controllo dell'azienda, che in precedenza ha introdotto la società Pamapol [2] . Dal 2007 [2] Wielton è quotata alla Borsa di Varsavia [3] .

Nell'aprile 2017, il Gruppo Wielton ha annunciato la strategia di crescita 2020, che prevede il raddoppio dei risultati, sia in termini di ricavi che di volume delle vendite [4] .
Circa 1.400 persone lavorano nel centro di produzione di Wieluń e l'intero gruppo Wielton impiega oltre 2.600 dipendenti, tra cui 250 costruttori e ingegneri. I clienti di Wielton sono imprese di trasporto, costruzione, produzione, distribuzione e agricoltura, e i prodotti sono venduti in 35 paesi in Europa, Asia e Africa [1] . L'offerta dell'azienda comprende attualmente 15 gruppi di prodotti disponibili in oltre 800 configurazioni [5] . I conducenti possono utilizzare uno degli oltre 200 punti di assistenza situati in 18 paesi europei [5] .

Il Gruppo Wielton ha tre centri di produzione in Polonia (Wieluń), Francia ( Auxerre ), Germania ( Waltrop ) e impianti di assemblaggio: in Italia ( Pescara ) e in Russia ( Sheremetyevo ). Alla fine del 2016, Wielton ha fondato una filiale in Costa d'Avorio, Abidjan , dove sarà il primo produttore europeo a costruire un impianto di assemblaggio di rimorchi stradali [6] .

Nel 2015 Wielton ha ottenuto lo status di Centro di ricerca e sviluppo dal Ministero dell'economia [7] [8] [9] [10] . Nel febbraio 2016 è stato aperto un centro di ricerca e sviluppo a Wieluń con l'unica stazione di prova per semirimorchi a veicolo pieno in Polonia e la seconda in Europa, che consente di rilevare possibili difetti in fase di collaudo [11] .

La società collabora attivamente con istituti e università in Polonia e all'estero, nonché con scuole professionali locali. A ottobre, presso la Silesian University of Technology, Wielton ha lanciato un corso di patrocinio nella progettazione di sistemi mobili meccatronici presso la Facoltà di ingegneria meccanica. Il Gruppo Wielton ha consolidato la sua posizione sul mercato europeo per anni basandosi sull'acquisizione di forti marchi locali.

Acquisizioni e acquisizioni
Nel maggio 2015, Wielton ha acquisito la società Fruehauf, una delle principali case produttrici di rimorchi e semirimorchi in Francia, che dopo il primo trimestre del 2017 possedeva il 22% quota di mercato. Nell'agosto 2015, la società italiana Viberti Rimorchi (ex Italiana Rimorchi) è entrata a far parte del Gruppo. I suoi marchi Viberti e Cardi sono stati visti come un simbolo di qualità e affidabilità in Italia per quasi 100 anni. La partnership con Fruehauf e l'acquisizione dei principali marchi italiani ha aperto la strada di Wielton a diventare il terzo player europeo del settore. Nel maggio 2017, Wielton ha assunto l'80 percento quote del gruppo Langendorf, un produttore tedesco di semirimorchi, tra cui veicoli specializzati per il trasporto di vetro e calcestruzzo prefabbricato. Entro la fine del 2020, la società assumerà il restante 20 percento. azioni. L'acquisizione di Langendorf permise a Wielton di entrare bruscamente nel mercato tedesco [12] . Nel 2018, la società ha acquisito la società britannica Lawrence David [13] .

I ricavi e il risultato operativo consolidati della società sono stati rispettivamente:

2015 - 630,3 PLN e 44,53 milioni di utili [14] ,
2018: profitto di 1.330 PLN e 85,4 milioni [15] .
azionaria
Secondo i dati del 29 maggio 2017, gli azionisti della società sono [16] :

MP Inwestors SC Sp. - 22 714 618 azioni e il 37,62 percento dei voti al GSM
MPSZ Sp. z o. - 8 058 300 azioni e 13,35 percento dei voti
Łukasz Tylkowski - 5.870.018 azioni e 9,7 per cento dei voti
TFUE Aviva Investors Poland - 3.999.975 azioni e 6,6 per cento dei voti
Vesta Fiz AN - 3.785.000 azioni e 6,3 per cento dei voti
Altri azionisti detengono 15.947.289 azioni e il 26,4 percento dei voti.

Premi e riconoscimenti
2016 - Premio economico del Presidente della Repubblica di Polonia nella categoria Successo nazionale [17] ;
2018 - Menzione d'onore di " Orły Rzeczpospolita " nel campo dell'occupazione



indirizzo
ul. Baranowskiego 10A
98-300 Wieluń
Data di costituzione
1996
Forma legale
società per azioni
presidente
Mariusz Golec
Presidente del Consiglio di vigilanza
Paweł Szataniak
Numero KRS
0000225220
occupazione
2637 [1]
scambio
Borsa di Varsavia
ISIN
PLWELTN00012
Simbolo di azione
WIELTON (WLT)


nenti avia, nenti aiu dunni vinni mindi vaiu
Avatar utente
u cardolu
neo-patentato
neo-patentato
Messaggi: 74
Iscritto il: lunedì 4 maggio 2015, 9:24
Località: cardeto reggio calabria

Re: opinioni su rimorchi semirimorchi trailer carrelloni bighe rallati e trainati

Messaggioda u cardolu » venerdì 8 novembre 2019, 17:55

Immagine

[img]https://wielton.com.pl/wp-content/themes/wielton/assets/naczepa-agro.jpg
[/img]
wielton rimorchiImmagine

Immagine
Il costruttore polacco di rimorchi per veicoli industriali ha creato un'impresa italiana, Italiana Rimorchi, che sarà lo strumento per l'acquisizione dei marchi della Compagnia Italiana Rimorchi. L'esordio ufficiale avverrà al Transpotec di Verona.

Come anticipato da TrasportoEuropa, il gruppo polacco Wielton intende rilevare la Compagnia Italiana Rimorchi, con i suoi storici marchi (ossia Viberti, Cardi, Piacenza, Daytona e Merker). Siccome la Cir è in concordato preventivo dal un anno, la procedura per acquistare i marchi e gli impianti produttivi è piuttosto complessa e deve comunque passare da una gara organizzata dal Tribunale di Verona. Ma Wielton intende muoversi rapidamente, per esordire già al Transpotec di Verona, che si svolgerà dal 16 al 19 aprile prossimi.
Così, il gruppo polacco ha creato una propria società in Italia, denominata Italiana Rimorchi (che si affianca alla Wielton Italia Srl, che commercializza i prodotti polacchi) che ha chiesto al Tribunale di Verona l'utilizzo dei marchi della CIR e – secondo fonti sindacali – anche l'affitto del ramo d'azienda.
Da quanto ci risulta, il Tribunale deve ancora decidere sulla questione, intanto però Italiana Rimorchi risulta già nel catalogo ufficiale del Transpotec. In una nota diffusa il 18 marzo 2015, Italiana Rimorchi anticipa che nello stand saranno esposti un semirimorchio ribaltabile in alluminio marcato Cardi (costruito da Wielton) e un centinato marcato Viberti 38S20PR con telaio in acciaio e portellone in alluminio.
Non è però ancora chiaro quale sarà il futuro degli stabilimenti e dei lavoratori della Compagnia Italiana Rimorchi, attualmente in cassa integrazione. In queste prime informazioni ufficiali, infatti, la Wielton parla di utilizzo del marchio, ma non c'è alcun accenno ad un'eventuale produzione in Italia. In una dichiarazione ufficiale, il presidente della Wielton Jarosław Andrzej Szczepek resta generico: "Siamo un produttore riconoscibile e molto rispettato in Polonia e in Europa Orientale. Allo stesso tempo, però, siamo una società globale, ed è quindi per noi naturale estendere la nostra sfera di influenza verso Sud e verso Ovest. L'Italia è la prima direzione su cui stiamo lavorando, e questo ci sta spingendo a intraprendere ulteriori azioni".
Wielton ha sede a Wieluń, nella regione polacca di Łódź e produce 6500 rimorchi e semirimorchi l'anno, con una specializzazione in ribaltabili posteriori e dei centinati. L'azienda esporta in trenta Paesi e produce in uno stabilimento automatizzato che impiega 1200 persone.
Immagine

https://wielton.com.pl/en/wielton-products/

https://wielton.com.pl/en/wielton-produ ... -trailers/


nenti avia, nenti aiu dunni vinni mindi vaiu


Torna a “MEZZI E TECNICA”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite