Soldi in cambio della multa: arrestati due agenti della polizia stradale (La Stampa)

Avatar utente
Lupus
Forum Admin
Forum Admin
Messaggi: 2772
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 1970, 0:00
Contatta:

Soldi in cambio della multa: arrestati due agenti della polizia stradale (La Stampa)

Messaggioda Lupus » sabato 29 dicembre 2018, 19:18

Soldi in cambio della multa: arrestati a Roma due agenti della polizia stradale

Immagine

29 dicembre 2018

Corruzione, concussione, truffa aggravata e falso. Per questi reati, commessi 13 volte nell’arco di soli tre mesi, due agenti della polizia stradale sono finiti in manette a Roma. I poliziotti, che chiedevano soldi agli automobilisti per chiudere un occhio sulle multe, erano diventati un vero e proprio incubo per gli automobilisti che transitavano nei pressi di Colleferro, Comune a sud della Capitale.

Le indagini della Stradale di Roma, coordinata dalla procura di Tivoli, sono partite dalla denuncia di un autotrasportatore che ha raccontato di essere stato fermato all’altezza di San Cesareo da due agenti di pattuglia e di essere stato costretto a consegnare loro del denaro in contanti per evitare di essere sanzionato a causa del sovraccarico del mezzo che guidava. Un’inchiesta serrata e durata circa tre mesi che ha portato la polizia a individuare i responsabili: gli agenti, S.A., di 42 anni, e M.E., di 48, sono stati arrestati anche perché «la carcerazione è l’unica soluzione per impedire ai due indagati di proseguire con la loro condotta». Infatti per i poliziotti le condotte delittuose erano «una vera e propria abitudine di vita e di servizio».

E’ il carcere l’unica misura cautelare idonea per fermare i due indagati. A metterlo nero su bianco è il gip di Tivoli, Mario Parisi, che nelle pagine di ordinanza cautelare ha spiegato che i due poliziotti se lasciati in libertà o agli arresti domiciliari continuerebbero a: «perseverare nel coltivare con disinvolta e proterva soddisfazione quella che pare una vera e propria costumanza di vita e di servizio». Per il giudice - che ha sposato pienamente la tesi sostenuta dal procuratore di Tivoli, Francesco Menditto - le personalità dei due poliziotti arrestati che «non solo hanno ormai integralmente stravolto in proprio favore il servizio loro affidato, ma che praticano un costume esistenziale improntato alla continua e sprezzante indifferenza generale al precetto: la truffa e la menzogna sistematiche» costituiscono «sicuri indici del risalente e consapevole abbandono delle più elementari regole condivise dalla collettività».

Un lavoro minuzioso quello portato avanti dagli investigatori, ma che non avrebbe mai visto la luce se non ci fosse stata la denuncia da parte dell’onesto cittadino. «L’operazione è riuscita grazie alla sensibilità della persona che ha segnalato la concussione patita e che ha consentito alla Polizia Stradale di Roma di acquisire preziosi elementi per la ricostruzione della verità dei fatti ed evitare ulteriori condotte illecite da parte dei poliziotti», ha fatto sapere la procura di Tivoli.


link articolo: https://www.lastampa.it/2018/12/29/roma ... agina.html



Torna a “Lazio”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite