Trieste, una bretella per deviare i Tir dalle strade

Avatar utente
Lupus
Forum Admin
Forum Admin
Messaggi: 2838
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 1970, 0:00
Contatta:

Trieste, una bretella per deviare i Tir dalle strade

Messaggioda Lupus » giovedì 10 dicembre 2015, 21:13

«Una bretella per deviare i Tir dalle strade»

Tra le priorità l’agognato collegamento con la Provinciale 19. Non ci sono però le risorse finanziarie


Immagine

Ferrovie e strade, anzi un’importante arteria deviare dal centro il traffico di automezzi pesanti. Si tratta del collegamento stradale di congiunzione dell’area industriale Schiavetti Brancolo di Staranzano con la bretella esistente tra la provinciale 19 per Grado e Ronchi dei Legionari. Il progetto esiste già sulla carta, quello che mancano sono le risorse e per questo il Csim, come si spiega nella relazione «è alla ricerca di idoneo contributo».
Ma se questo è ancora un progetto ci sono delle altre opere sulle quali il Csim si impegnerà tra 2016 e 2018 facendo i conti con le «limitate risorse finanziarie a disposizione» vista la situazione economica esistente.
Per il 2016 comunque sono stati messi a bilancio 1milione e 800mila euro per lavori e opere. Particolare attenzione verrà riservata a interventi di «manutenzione straordinaria delle strade» ma anche dei raccordi ferroviari in attesa di sapere il destino della loro gestione. E le opere punteranno in particolare sul Lisert che è la zona logisticvamente più strategica visdta la vicinanza con il porto, il casello autostradale e il collegamento ferroviario. E si potranno fare soltanto opere di manutenzione vista la mancanza di contributi finanziari. Tra le opere in programma la straordinaria manutenzione del cavalcavia Sr14 del Lisert e dello svincolo del Locovaz che verranno suddivisi in lotti. Verrà rifatto il manto stradale e anche l’illuminazione pubblica con l’utilizzo di «armature stradali con lampade a led».
Verrà adeguato, rinnovato e potenziato anche il raccordo ferroviario Porto-stazione centrale di Monfalcone per garantire il servizio ai raccordati. Infine sono in programma dei lavori di bonifica dei terreni di un lotto in via Consiglio d’Europa e il Csim procederà alla sua sistemazione (si tratta di un’area di circa 30mila metri quadrati) per renderlo disponibile per nuovi insediamenti produttivi. Prosegue pure la convenzione con la Regione per i servizi di manutenzione delle banchine, delle reti e dei piazzali dello scalo marittimo, compresa la ferrovia.

Tra i progetti in corso anche quello di un centro servizi in area Schiavetti-Brancolo e dunque tra Staranzano e Monfalcone (impianti direzionali, mense, strutture ricreative e sportive, un nido). Un progetto avviato da tempo e che prevede investimenti per 20milioni di euro. (g.g.)

8 dicembre 2015



Torna a “Friuli Venezia Giulia”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite