Germania fa dietrofront su salario minimo autisti esteri in transito

Nella giornata di sabato 31 gennaio 2015, il ministro del Lavoro tedesco Andrea Nahles ha comunicato che la Germania vuole sospendere l’applicazione delle norme sul salario minimo ai veicoli con targa estera in transito sul proprio territorio.

Tale decisione arriva in conseguenza delle forti rimostranze espresse in sede di Commissione UE da alcuni Paesi dell’Europa dell’Est, in particolare la Polonia.

Dunque, la  normativa tedesca sul salario minimo, per quanto concerne l’autotrasporto, riguarda soltanto i trasporti internazionali con origine o destinazione in Germania nonchè i trasporti di cabotaggio effettuati in Germania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 5 =