Inaugurato bypass del Galluzzo e presentato piano potenziamento rete autostradale

Ha aperto nella giornata di lunedì 29 maggio 2017 al traffico il ‘bypass del Galluzzo’, il prolungamento della superstrada Firenze-Siena con la via Cassia che garantisce un notevole miglioramento della viabilità in entrata e uscita da Firenze.
All’inaugurazione sono intervenuti, tra gli altri, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, l’Amministratore Delegato di Atlantia e Autostrade per l’Italia, Giovanni Castellucci, il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e i sindaci di Firenze, Dario Nardella, e di Impruneta, Alessio Calamandrei.

L’opera rientra nei lavori di ampliamento alla terza corsia dell’A1 Milano-Napoli nel tratto Firenze Nord – Firenze Sud e rappresenta la principale opera sul territorio connessa all’ampliamento dell’Autosole nel tratto fiorentino. Il tracciato, che ricade nei Comuni di Firenze e di Impruneta, si sviluppa per una lunghezza di circa 4 km e comprende, tre gallerie (Le Romite, lunga 2 5 metri, Poggio Secco di 1231 metri e Del Colle di 660 metri) e un viadotto (105 metri), per un investimento di circa 60 milioni di euro.

I lavori sono iniziati negli anni ’90 e sono stati più volti sospesi fino alla definitiva ripresa nel 2014. Da quel momento, l’opera è stata completata in poco più di 2 anni e oggi viene consegnata all’Anas, che ne curerà la gestione.

Il bypass del Galluzzo è stato progettato con soluzioni all’avanguardia per la tutela dell’ambiente e la sicurezza. Le gallerie sono attrezzate con le più avanzate dotazioni impiantistiche (illuminazione a led, ventilazione regolabile, pannelli di avviso all’utenza, videosorveglianza, ponti radio, etc.) e in quella di Poggio Secco, è stato installato un innovativo sistema antincendio a diluvio, che utilizza acqua e schiuma oltre al rilevamento automatico degli incendi.

L’inaugurazione è stata anche l’occasione per presentare il nuovo piano di investimenti per il potenziamento di ulteriori 141 km di terze e quarte corsie della rete di Autostrade per l’Italia, con un investimento complessivo di circa 2,2 miliardi di euro.
Le varie autorizzazioni sono già state avviate e in alcuni casi anche concluse, pertanto i primi cantieri apriranno già nel corso del prossimo anno. Questi nuovi investimenti si aggiungono ad altre iniziative, in corso di approvazione, tra le quali va ricordato il Passante di Bologna e la Gronda di Genova, per un valore complessivo superiore ai 5 miliardi di euro che, sommati a tutti gli interventi in fase di realizzazione, portano l’impegno di Autostrade per l’Italia per investimenti in nuove opera a circa 12 miliardi di euro nel prossimo futuro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × cinque =