In Italia si rubano meno TIR ma quasi la metà svanisce nel nulla…

Si chiama “Cargo Crime”, espressione che riassume i reati compiuti ai danni dei mezzi pesanti. Secondo una mappatura dell’Ue, le minacce della criminalità organizzata stanno aumentando in tutta Europa e si manifestano in maniera sempre più violenta in alcuni Paesi come il Regno Unito, i Paesi Bassi, la Germania e purtroppo anche l’Italia. Perché è bene ricordarlo, quello dei furti dei mezzi pesanti, seppur in calo, è un fenomeno che ancora flagella pesantemente il nostro Paese.
LA RICERCA – Secondo i dati contenuti nella 13° edizione del Dossier Autotrasporto di VIASAT GROUP – eccellenza italiana nella sicurezza satellitare –, elaborati dalla Polizia Stradale ed in fase di consolidamento, si sono registrati nel 2017 in Italia1.617 furti di TIRl’anno(134 al mese, più di 4 al giorno), oltre il 23% in meno rispetto all’anno precedente quando erano stati 2.120.La Pugliaè la regione più a rischio d’Italia con i suoi 266 furti consumati scalzando laCampaniache la segue con 255 e la Lombardiacon 233. A distanza, la Sicilia(170 furti), il Lazio (oltre 140) e l’Emilia Romagna (poco più di 100). Un dato è importante: quasi tutte le Regioni hanno registrato un notevole decremento dei furti: spicca l’Umbria (-78%), il Molise (-72%), il Trentino Alto Adige (-66%). Ottimo risultato registrato anche dal Piemonte (-34%), dalla Sicilia (-31%) e dalla stessa Campania (-30%).
Sul fronte dei ritrovamenti, invece, le statistiche non si discostano molto rispetto a quelle dell’anno precedente.Vengono infatti rinvenuti poco più del 56% dei mezzi rubati, trend in linea con quella degli anni precedenti. Insomma, se è vero che si rubano meno Tir in Italia, quasi la metà svanisce nel nulla con la merce che trasportava. E continuano ad essere principalmente i prodotti tecnologici ed elettronici, i farmaci, le sigarette, l’abbigliamento e i prodotti alimentari ad attirare maggiormente i ladri.

COME CONTRASTARE IL FENOMENO – Il ricorsoad azioni violente con l’uso di armi e veri e propri sequestri di persona ai danni degli autisti, sono metodi sempre più frequenti nel nostro Paese per rubare il Camion e la merce. Atri “modus operandi” molto diffusi sono le intrusioni (taglio del telone, apertura delle porte posteriori), i blocchi stradali e i finti controlli di Polizia. A questi si è aggiunto il cosiddetto metodo “Rumenian roll” – sottrazione in movimento con tecnica acrobatica – e, naturalmente, l’uso di Jammer ed altri sistemi elettronici. In tal senso, l’unica soluzione disponibile per contrastare efficacemente bande sempre più organizzate e hi-tech è l’adozione della tecnologia satellitare.

“Le statistiche attestano l’efficacia delle migliori soluzioni tecnologiche oggi disponibili facendo registrare meno furti e maggiori veicoli ritrovati  – commenta Domenico Petrone, Presidente VIASAT GROUP–. La telematica satellitare, a fronte di modesti investimenti, risulta essere quindi un’alleata preziosa e indispensabile per quelle aziende che intendono proteggere la propria flotta e i beni che trasporta. È infatti di ben oltre 8 miliardi il valore delle merci rubate nella catena logistica, la metà della quale avviene sui Camion.E grazie alla possibilità di geolocalizzare il mezzo sempre e ovunque, l’azienda ottiene anche importanti risultati in termini di efficienza logistica, abbattimento dei costi operativi e miglioramento dei livelli di servizio.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *