Iveco presenta il nuovo Eurocargo Euro VI

Iveco presenta il nuovo Eurocargo Euro VI: il veicolo della gamma media, da sempre leader in Europa e protagonista di numerosi successi, conferma le proprie caratteristiche di affidabilità e flessibilità che ne hanno fatto un mezzo polivalente, adatto a ogni tipo di missione.

Il “medio” più apprezzato in Europa, vera e propria icona nel segmento per la sua versatilità, stabilisce oggi un altro primato combinando il top dell’innovazione con prestazioni superiori e consumi ottimizzati, grazie all’esclusiva tecnologia HI-eSCR, brevetto di FPT Industrial. Questo innovativo sistema di post-trattamento riduce le emissioni di ossidi di azoto (NOx) di oltre il 95%, non altera il processo di combustione, non richiede un sistema di raffreddamento ausiliario e non grava sull’architettura dei veicoli e sui costi.
Le nuove motorizzazioni Tector 5 e Tector 7 Euro VI, di cui Eurocargo Euro VI è dotato, sono le
uniche in questo segmento con tecnologia HI-eSCR e si posizionano al vertice della loro categoria, fornendo prestazioni elevate e affidabili.
La nuova gamma comprende tre nuovi Tector 5 da 160, 190 e 210 cv e quattro Tector 7 da 220, 250, 280 e 320 cv. La cilindrata del Tector 5 e del Tector 7, rispettivamente a quattro e sei cilindri, è stata appositamente aumentata per ottenere una migliore versatilità per diverse applicazioni. La potenza del motore Tector 5 con cilindrata da 4,5 litri è stata incrementata del 13%, consentendo di raggiungere i 210 cv. Anche le prestazioni del Tector 7 da 6,7 litri sono state migliorate con un incremento fino a 320 cv grazie a un aumento della potenza del 7%.
La gamma Eurocargo inoltre si arricchisce del nuovo cambio automatizzato ZF a 12 marce Eurotronic, disponibile sul Tector 7 a sei cilindri, anche per le versioni rimorchianti.
L’introduzione di queste novità ha avuto un effetto positivo sul Total Cost of Ownership, ovvero sul costo di gestione del veicolo, vero e proprio “focus” di Iveco nella progettazione del nuovo Eurocargo Euro VI. Nelle missioni miste tipiche di un veicolo medio, con un’alternanza di tratti urbani, interurbani e autostradali, l’efficienza del sistema HI-eSCR consente di mantenere almeno invariato il consumo equivalente (gasolio + Urea).
Il sistema tecnologico HI-eSCR permette di ottenere migliori prestazioni nelle missioni interurbane, con riduzioni dei consumi dell’ordine del 2%. In tutte le missioni, inoltre, la possibilità di passare dal 220 cv 6 cilindri Euro V al nuovo 210 cv 4 cilindri Euro VI porta a una riduzione del consumo equivalente del 4,5%.
Anche gli intervalli di manutenzione sono stati studiati per garantire la più lunga percorrenza possibile, salvaguardando sicurezza e minor tempo di fermo. Il valore residuo riflette la qualità intrinseca del prodotto: grazie infatti ai continui miglioramenti qualitativi, Eurocargo Euro VI ha una più alta efficienza di percorrenza e un più elevato valore residuo nel tempo.
In definitiva, grazie agli eccellenti risultati ottenuti in termini di consumi, manutenzione e valore, il nuovo Eurocargo VI si conferma leader anche nella competitività del costo di gestione.
EREDE DELLA PROPRIA TRADIZIONE

Eurocargo è un mezzo affidabile e versatile, che ha alle spalle una comprovata storia di successi, fin dalla sua nascita: lanciato nel 1991 come primo veicolo della sua classe progettato e sviluppato da Iveco, Eurocargo nel corso degli anni ha vinto numerosi riconoscimenti a livello internazionale, tra cui il prestigioso premio “International Truck of the Year 1992”. Il veicolo può definirsi erede di una serie di modelli che hanno scritto la storia del segmento dei medi, fin dai tempi che precedono la nascita di Iveco: dalle forme arrotondate del Lupetto della OM di Brescia, lanciato nel 1959, a quelle squadrate e più moderne della Gamma Z, nel 1977, fino all’introduzione del nuovo motore turbo nel 1987, con la gamma TurboZeta.

Le tappe fondamentali della storia di Eurocargo

1959 Lancio Lupetto
1977 Lancio Gamma Z
1987 Lancio TurboZeta
1991 Lancio EuroCargo
1992 “International Truck of the Year”
1993 “Road Tester Choice” in Gran Bretagna
1994 “Fleet Truck of the Year” in Gran Bretagna
1996 “Miglior Camion d’importazione” in Germania
1996 “MidiEuro Test” per economia nei consumi e produttività complessiva per la versione 12 t
1997 Lancio EuroCargo MY 97
1998 “MidiEuro Test” per la versione 7,5 t
1999 Lancio nuova gamma EuroCargo EL
2001 Lancio nuovo EuroCargo Tector
2002 “Best Light Truck” in Gran Bretagna
2003 Lancio Eurocargo MY
2003-2005 Introduzione nuove varianti 140E e 160E
2006 Introduzione modelli Euro4&Euro5
2008 Lancio Nuovo Eurocargo
2013 Lancio Eurocargo Euro VI

Dal suo debutto sul mercato nel 1991, e a testimonianza del suo grande successo, Eurocargo si è sempre posizionato tra gli autocarri più venduti del suo segmento. Nel 1999 viene lanciata la gamma EL, specifica per la distribuzione urbana. La nuova versione si avvale di soluzioni tecniche come cabine ribassate, telaio alleggerito e pneumatici di diametro inferiore.
L’introduzione del motore Tector nel 2000 e il restyling della cabina nel 2003 hanno contribuito a consolidarne ulteriormente la leadership del mezzo nella categoria. Nel 2008, Iveco ha presentato un importante rinnovamento del veicolo con un’ampia gamma di modelli, un maggior numero di versioni disponibili e nuove dotazioni per consentire ai clienti una configurazione sempre più adatta alle proprie esigenze.

I NUOVI MOTORI EURO VI DI FPT INDUSTRIAL, ANCORA PIÙ POTENTI

FPT Industrial, leader di mercato nel settore dei motopropulsori per uso industriale, fornisce per il nuovo Eurocargo i motori Tector nelle loro nuove versioni evolute, per soddisfare le norme sulle emissioni Euro VI. Il Tector 5, a 4 cilindri, e il Tector 7, a 6 cilindri, opportunamente reingegnerizzati, sostituiranno i motori esistenti, Tector 4 e Tector 6.
Rispetto alle versioni Euro V, il nuovo Eurocargo, già veicolo di riferimento in Europa nel settore del trasporto merci di medio carico, potrà avvalersi di motori caratterizzati da alte prestazioni in termini di potenza e coppia, garantendo allo stesso tempo livelli di rumorosità e di vibrazione ridotti, aumentando cosi il comfort per gli utenti.
I motori Tector, che si posizionano al vertice della loro categoria, forniscono soluzioni compatte, affidabili e vantaggiose dal punto di vista economico. La cilindrata del Tector 5 e del Tector 7, rispettivamente 4,5 e 6,7 litri, è stata appositamente aumentata per ottenere una migliore versatilità per svariate applicazioni.
L’aumento della cilindrata, insieme all’utilizzo di un sistema Common Rail HD di seconda generazione, con pressioni massime fino a 1600 bar, significa vantaggi sia in termini di prestazioni, sia in termini di coppia a bassi regimi. Le iniezioni multiple del nuovo sistema Common Rail, con nuovi ugelli per una maggiore precisione nel dosaggio e nel controllo della fasatura, ottimizzano il processo di combustione, riducendo il particolato nel motore e il consumo di carburante a pieno carico.

La potenza del motore a 4 cilindri è stata incrementata del 13%, consentendo di raggiungere i 210 cv. La coppia è stata invece aumentata del 23%, permettendo al motore di sviluppare 750 Nm a 1400-1800 giri/min. Anche le prestazioni del motore a 6 cilindri sono state migliorate con un incremento fino a 320 cv grazie a un aumento della potenza del 7%, mentre la coppia è stata incrementata del 5% e raggiunge i 1100 Nm a 1250-1900 giri/min.
Grazie alle migliori prestazioni dei nuovi motori, Iveco ha potuto riconfigurare la sua offerta, estendendo la propria gamma di prodotto e minimizzandone al contempo i consumi.
Il motore 4 cilindri Tector 5 da 210 cv Euro VI è in grado di sostituire il 6 cilindri Tector 6 220 cv Euro V, assicurando consumi di carburante più bassi e mantenendo al contempo elevate prestazioni; il 6 cilindri Tector 7 raggiunge invece una potenza massima di 320 cv (rispetto ai 300 cv di potenza del Tector 6).
Nonostante la maggiore cilindrata, il propulsore Euro VI e il relativo sistema di post-trattamento dei gas di scarico di FPT Industrial presentano un peso ancora inferiore rispetto a quello dei motori dei principali concorrenti, assicurando un maggiore carico utile del veicolo rispetto alla media di mercato.
Entrambi i motori sono equipaggiati con il sistema High Efficiency SCR (HI-eSCR), l’innovativo sistema di post-trattamento dei gas di scarico, sviluppato da FPT Industrial, che riduce le emissioni di ossidi di azoto (NOx) di oltre il 95%. Il sistema HI-eSCR rappresenta l’ultima evoluzione della tecnologia SCR di FPT Industrial, già applicata con successo a più di 350.000 motori.
Il sistema HI-eSCR utilizza aria pulita per aumentare al massimo l’efficienza della combustione e
ridurre al minimo la produzione di particolato (PM) senza intervento del ricircolo dei gas di scarico (EGR), riducendo così al minimo il consumo di carburante e aumentando al massimo le prestazioni.
Il sistema di post-trattamento utilizza un catalizzatore (SCR) che sfrutta la reazione chimica con la soluzione di acqua-urea (AdBlue) per convertire le emissioni di NOx, generati durante la combustione, in azoto (N2) e vapore acqueo (H2O).
Grazie all’assenza sia del sistema EGR sia di un sistema attivo di rigenerazione del filtro antiparticolato (DPF), si garantisce inoltre una maggiore affidabilità dei propulsori. La tecnologia HI-eSCR introduce un nuovo approccio integrato, frutto delle intense attività di ricerca di FPT Industrial che hanno portato alla creazione di numerosi e importanti brevetti che riguardano:

• il controllo “chiuso”, basato sull’utilizzo di sensori, per garantire informazioni accurate sulla composizione dei gas di scarico in qualsiasi momento del suo passaggio nel sistema di
post-trattamento HI-eSCR;
• il sistema di dosaggio adattativo che, grazie alla tecnologia di controllo “chiuso”, permette di
ridurre l’impiego dell’AdBlue;
• un mix ad alta turbolenza, isolato termicamente, per consentire un’idrolisi omogenea
dell’urea e una corretta distribuzione nel flusso dei gas di scarico;
• una migliore gestione termica per accelerare l’attivazione del sistema SCR durante la fase a
freddo nel ciclo di emissioni.

Oltre al sistema HI-eSCR, i motori sono dotati di una valvola di scarico a controllo elettronico (Exhaust Flap), che contribuisce in modo significativo al soddisfacimento delle norme sulle emissioni Euro VI. La valvola di scarico viene utilizzata per accelerare la salita di temperatura del SCR nella parte fredda del ciclo di emissioni, garantendo così le temperature di esercizio ottimali dell’SCR e quindi la massima riduzione di NOx.
L’introduzione di questo sistema migliora anche la potenza frenante del motore, che raggiungerà un valore massimo di 100 e 150 kwh rispettivamente nel Tector 5 e nel Tector 7.
Per i motori Euro VI gli intervalli di manutenzione di 80.000 km rimangono invariati rispetto a quelli per le versioni Euro V, grazie ai filtri carburante multistrato altamente efficienti e al sistema “blow-by” di separazione dell’olio dai gas, mentre l’intervallo di manutenzione per il DPF è di 300.000 km. In sintesi, il sistema HI-eSCR è l’unico post-trattamento Euro VI che ottimizza i consumi, riduce la complessità dell’impianto e mantiene invariate le esigenze di manutenzione del veicolo.

HI-eSCR ha contribuito in modo importante all’assegnazione del prestigioso riconoscimento “International Truck of the Year 2013” allo Stralis Hi-Way di Iveco e le sue qualità hanno ottenuto proprio pochi giorni fa un’ulteriore conferma: il TÜV (uno dei più autorevoli centri di certificazione tecnica d’Europa) ha certificato che con HI-eSCR si ottiene una riduzione del 2,33% del consumo di carburante.

LE TRASMISSIONI: NUOVO CAMBIO AUTOMATIZZATO A 12 RAPPORTI

Il cambio marcia può influire notevolmente sulle prestazioni e sui consumi del veicolo. Per rispondere alle esigenze di ciascuna missione, il nuovo Eurocargo Euro VI propone l’offerta più ampia del segmento con sei cambi manuali ZF a 5, 6 e 9 rapporti; quattro cambi automatizzati
Eurotronic ZF a 6 e 12 rapporti e tre cambi automatici Allison a 5 rapporti.
Tutti i modelli della gamma hanno a disposizione la scelta tra trasmissioni manuali, automatiche e automatizzate.
La nuova gamma ora si arricchisce con l’offerta di un nuovo cambio automatizzato a 12 rapporti Eurotronic, su tutte le motorizzazioni Tector 7 a 6 cilindri, da 12 a 19 tonnellate.
Disponibile anche sulle versioni rimorchianti, questo nuovo sistema di trasmissione garantisce
migliori performance con i carichi pesanti e una minor usura della frizione. Ha una capacità di 1.100 Newton/metro di coppia massima con peso e ingombro contenuti.
Anche i cambi automatici Allison con convertitore di coppia sono disponibili su tutta la gamma 4×2 e offrono il massimo comfort nelle mission urbane, dove si effettuano in media circa 1.200 cambi di marcia al giorno.

UN VEICOLO UNICO NEL SUO GENERE

Versatile

Il nuovo Eurocargo è il veicolo del segmento dei medi più adatto a ogni utilizzo, grazie a un’offerta di potenze, portate, passi, cambi e sospensioni che non ha eguali sul mercato. La sua flessibilità di Eurocargo è indiscussa e rappresenta un modello di riferimento anche per la concorrenza. Il veicolo è in grado di coprire le principali mission della categoria: dalla distribuzione, al trasporto merci refrigerate, all’edilizia e ai servizi per le municipalizzate, ma è anche protagonista in tutte specializzazioni che il mercato richiede: dai mezzi antincendio, alla raccolta rifiuti, al trasporto persone. La sua struttura a longheroni paralleli, in acciaio ad alto indice di snervamento, è completamente priva di ingombri superiori e permette una carrozzabilità da 4.265 a 10.175 mm. Il veicolo permette una facilità di guida in tutte le situazioni: dai centri urbani dove si rivela straordinariamente maneggevole, grazie alla cabina larga solo 210 mm, al suo angolo di sterzo di 52 gradi e al suo ridotto diametro di sterzata (meno di 11 metri con passo 2790 mm), alle tratte autostradali, dove è stabile e sicuro anche in caso di manovre impreviste. La sua struttura eccezionalmente robusta e i dispositivi di sicurezza di cui è dotato lo rendono adatto anche a fondi stradali impegnativi o a climi estremi.

Confortevole per chi guida

Iveco lavora da sempre per garantire il miglior comfort dei propri veicoli, in termini di ergonomia, di riduzione delle vibrazioni, e del contenimento della rumorosità.
Nella cabina di Eurocargo tutto è di semplice intuizione e a portata di mano. Le funzioni sono organizzate secondo una logica immediata: tutti gli strumenti sono posizionati direttamente di fronte al guidatore, tutti i comandi nella zona volante. I pulsanti di uso più frequente sono raggruppati sulla plancia in posizione di facile accesso, per la massima sicurezza possibile. Il quadro strumenti è stato rinnovato nella grafica per permettere la visualizzazione di tutte le informazioni di viaggio e il controllo costante di tutti i parametri del veicolo e del percorso: livello carburante, pressione pneumatici, consumo medio e consumo istantaneo, scadenze di manutenzione, tempi di percorrenza e velocità media.
La migliore qualità di vita a bordo di Eurocargo è offerta dai differenti tipi di cabina, adatti a diversi tipi di missione: la cabina corta, per la distribuzione e le rotte brevi o quando viene privilegiata la lunghezza carrozzabile; quella lunga a tetto basso o alto, per lunghe percorrenze e tragitti che richiedono il pernottamento a bordo, è dotata di uno o due posti letto e può essere equipaggiata con il frigorifero; quella doppia per ospitare sei persone più il conducente (adatta al trasporto di squadre di lavoro, come nei cantieri edili). I sedili sono disponibili con rivestimenti in tessuto o finta pelle per assicurare la massima resistenza e praticità.

Sicuro

Per un veicolo commerciale la sicurezza è fondamentale e si declina in diversi aspetti: sicurezza per chi viaggia, per gli automobilisti e i pedoni, per il carico trasportato e per il valore dell’investimento. Su questo tema, Iveco lavora a 360°, costruendo ogni giorno prodotti in grado di proteggere il guidatore e i passeggeri del veicolo e, allo stesso tempo, di salvaguardare la sicurezza di tutti gli utenti della strada. Anche Eurocargo testimonia l’impegno continuo di Iveco per la sicurezza, con soluzioni tecniche e tecnologiche offerte per la sicurezza preventiva, attiva e passiva. Per la sicurezza passiva, Iveco realizza cabine che proteggono efficacemente in caso di urto, per quella attiva, fornisce al veicolo la migliore tenuta di strada e la migliore frenata della categoria. Per la sicurezza preventiva, infine, Iveco offre al guidatore ambienti favorevoli, che riducono la fatica e lo stress. Alla sicurezza contribuiscono anche i sistemi elettronici di ultima generazione tra i quali il nuovo sistema di controllo della stabilità (EVSC) a richiesta per i veicoli da 6 a 10 tonnellate, e di serie da 12 a 19 tonnellate. Il sistema Enhanced Vehicle Stability Control (EVSC) agisce in caso di sovrasterzo, sottosterzo o improvvise deviazioni dalla traiettoria. Al primo accenno di sbandata, l’EVSC entra in funzione regolando la potenza del motore e frenando le singole ruote con intensità diversa, in modo da stabilizzare l’assetto del veicolo. L’EVSC del nuovo Eurocargo Euro VI può inoltre integrare a richiesta il dispositivo Hill Holder, che si utilizza per facilitare le partenze in salita. La sua funzione è impedire per alcuni secondi l’arretramento del veicolo al rilascio del pedale del freno. Grazie a questa soluzione, è possibile effettuare lo spunto in salita senza alcun pericolo, senza pattinamenti della frizione e con un’usura degli pneumatici molto ridotta. Alla sicurezza contribuisce anche un ambiente piacevole, che consente di guidare in totale comfort, anche nelle lunghe percorrenze. Per questo su Eurocargo Euro VI è ora disponibile un dispositivo vivavoce legato alla nuova radio Bluetooth®, che permette a chi guida di parlare al cellulare senza dover togliere le mani dal volante. La radio è certificata “Made for Apple” ed è quindi compatibile con iPod e con iPhone.

Affidabile

L’affidabilità di Eurocargo è ulteriormente potenziata dall’evoluzione dei motori Tector, perché la soluzione tecnologica HI-eSCR migliora le prestazioni e la durabilità. Inoltre, per garantire integrità nel tempo, Eurocargo adotta un telaio rullato eccezionalmente resistente, con qualità meccaniche analoghe ai mezzi pesanti, ma con una tara più leggera.
Grazie ai suoi telai con longheroni a “C” in acciaio ad alto limite di snervamento, il veicolo è in grado di sopportare le sollecitazioni di un carico non bilanciato o di un cambio improvviso di traiettoria.

Le sospensioni

Le sospensioni adottate da Eurocargo sono paraboliche rinforzate, semi-ellittiche e pneumatiche, anche integrali (a due soffietti per le versioni da 6 a 14 tonnellate e a quattro soffietti per le versioni da 15 a 18 tonnellate) con sistema ECAS (Electronically-Controlled Air Suspension), che migliora il comfort di guida e l’assetto costante del veicolo in funzione della velocità, del carico e del tipo di strada.

L’impianto frenante

Assali, ponti e sistema frenante garantiscono affidabilità e mantenimento delle caratteristiche nel tempo, ma soprattutto un sistema frenante tecnologicamente avanzato significa sicurezza.
Tutta la gamma Eurocargo, con motorizzazioni Tector 5 e Tector 7, è dotata di un freno motore standard. Inoltre, è possibile selezionare modalità di intervento tramite la leva a destra del piantone dello sterzo. Tutte le versioni 4×2 hanno freni a disco su entrambi gli assi, con dischi e pastiglie maggiorati sulla gamma da 6 a 10 tonnellate. Il sistema frenante è idropneumatico sulla gamma 6-10 tonnellate e completamente pneumatico sulla gamma 11-19 tonnellate. L’ampia scelta di opzioni consente di realizzare configurazioni “su misura” per le specifiche mission e per percorsi più frequenti, garantendo sicurezza e comfort in ogni condizione di fondo stradale.

Facilmente allestibile

Il punto di forza di un veicolo di gamma media è la sua versatilità ed Eurocargo è perfetto per ogni tipo di allestimento: dai cassoni ai centinati, dai furgoni isotermici ai ribaltabili trilaterali, dalle cisterne ai furgoni negozio, dalle sponde montacarichi agli allestimenti antincendio, dai piccoli compattatori per la raccolta rifiuti alle spazzatrici.
La vasta gamma di rapporti ponte e cambi permette di adeguare il mezzo a ogni sfida professionale, territorio o allestimento: i rapporti lunghi per i tragitti autostradali, i rapporti corti per mission gravose o su fondi stradali impegnativi (cantieri, sterrati, percorsi in montagna). Il passo più corto della categoria è un vantaggio molto apprezzato dagli allestitori che possono così utilizzare Eurocargo come base ideale per una moltitudine di mission a corto e medio raggio.
LA GAMMA PIÙ AMPIA CHE MAI

La gamma Eurocargo è la più completa in assoluto nella sua categoria. Con 14 varianti di massa totale (da 6 a 19 tonnellate), 7 potenze (da 160 a 320 cv), 13 cambi (sei manuali, quattro automatizzati e tre automatici), 15 passi (da 2.790 a 6.570 mm), 3 tipi di cabine con due altezze di tetto, trazione 4×2 e 4×4, offre oltre 11.000 combinazioni. Dalla distribuzione urbana al lavoro in cantiere, dal trasporto industriale ai servizi per le municipalità, Eurocargo Euro VI è facilmente trasformabile per ogni missione ed esigenza specifica.

Eurocargo 4×4: non conosce ostacoli

Per le missioni più impegnative, Eurocargo è disponibile nella versione 4×4 con soluzioni specifiche a protezione della struttura: un paraurti in lamiera, i gradini di accesso retrattili e un riparo specifico per il radiatore. Eurocargo 4×4 è equipaggiato con motori Tector 6 cilindri da 220 e 250 cv sulla versione 11,5 tonnellate e da 250 e 280 cv sulla versione 15 tonnellate. I cambi manuali ZF a sei marce sono dotati del sistema di servoassistenza “servoshift” per garantire facilità di innesto anche nelle missioni più impegnative.
La trazione integrale permanente è resa possibile dal differenziale longitudinale che ha il compito di ripartire la coppia motrice su ponte e su motoassale. Inoltre, l’autista ha la facoltà di selezionare un rapporto del ripartitore veloce o lento, a seconda delle condizioni di utilizzo del veicolo (on/ off road).

Per il tempo libero: Eurocargo Camper

La gamma Eurocargo può fornire un’ottima base di trasformazione del veicolo in camper. Flessibilità e capacità di adattarsi sono le caratteristiche principali di Eurocargo Camper, anche grazie alla robustezza dei telai e delle scocche e alla grande attenzione nella scelta dei componenti come motori, cambi, freni e sistemi elettronici per i quali Iveco si affida a partner di eccellenza. Relax e comfort sono fondamentali per chi viaggia in camper: ogni soluzione a bordo di Eurocargo è pensata per aumentare il benessere e il piacere di guida di chi lo ha scelto. Grazie alla sua maneggevolezza, al comfort di guida e alle elevate prestazioni il veicolo si trova a suo agio su ogni tipo di percorso (in città, in autostrada, fuoristrada) ed è ai vertici della categoria per quanto riguarda la riduzione dei consumi, delle emissioni e dei costi di gestione. La sua gamma, completa e pronta a tutto, permette i più svariati tipi di allestimento (camper, motorhome, ecc.) grazie a otto differenti masse a terra da 8, 9, 10, 12 tonnellate, tre motorizzazioni Tector 6 da 220, 250 e 280 Cv e due tipi di cabina (cabinato e scudato).
POST VENDITA: NOVITÀ PER LA MANUTENZIONE DI EUROCARGO EURO VI

La produttività di Eurocargo Euro VI passa anche dal post-vendita. Iveco testimonia il suo impegno nel contenimento dei costi di manutenzione per l’intero ciclo di vita di Eurocargo Euro VI, con la creazione di kit di ricambi originali per la manutenzione programmata, che permettono un risparmio del 25 per cento rispetto al costo dei singoli ricambi. I kit sono fruibili all’interno di Elements, l’ampia gamma di programmi di assistenza personalizzata. La convenienza dei kit si somma quindi ai già numerosi vantaggi offerti da Elements.

Accessori: nasce la linea dedicata

La linea Iveco Accessories si arricchisce di nuovi prodotti dedicati a Eurocargo Euro VI che permettono di personalizzarne tecnologie, dotazioni di sicurezza, esterni e interni. In particolare, sono proposti il kit telecamere professionali waterproof con lenti a prisma, per la massima visibilità durante le manovre, e il kit antifurto perimetrale e volumetrico con combinatore telefonico per la sicurezza del veicolo e del suo carico.

“PERFETTO IN OGNI SITUAZIONE”: LA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE

Eurocargo Euro VI, creato e prodotto a Brescia nelle sue oltre 11mila versioni disponibili, è “perfetto in ogni situazione”, come recita il pay-off della campagna di comunicazione che accompagna il lancio sui mercati del nuovo prodotto Euro VI. Una campagna che intende sottolineare, a partire dallo stesso nome “Eurocargo”, la connotazione di “europeicità” del mezzo, ma anche le sue stesse radici e storia.
Eurocargo è un prodotto che ha l’Europa nel suo nome e nella sua storia e che rappresenta efficienza, alta tecnologia e qualità produttiva dei prodotti italiani: in sintesi una case history di successo europeo, ma anche un’eccellenza tutta italiana.
Il veicolo sarà presentato in tour che toccherà i cinque mercati più rappresentativi – Germania, Regno Unito, Francia, Spagna e Italia – che costituiscono circa il 90% dei volumi in Europa nel segmento dei medi. I cinque Paesi, e in particolare le loro capitali, saranno inoltre location protagoniste degli scatti della campagna ADV di Eurocargo Euro VI. Dalla porta di Brandeburgo a Berlino, alla Houses of Parliament di Londra, a Place VendÔme di Parigi, fino a Plaza de Cibeles, a Madrid, passando per la Mole Antonelliana di Torino, l’Eurocargo attraverserà tutta l’Europa, a simboleggiare la vocazione europea di un prodotto che ha scritto la storia di Iveco nel mondo.
Il colore di lancio rosso Maranello del veicolo sarà il vero e proprio “fil rouge” della campagna, in sintonia perfetta con lo spazio e i luoghi di lavoro che il veicolo attraversa quotidianamente.
Al nuovo Eurocargo Euro VI Iveco dedica anche una nuova applicazione originale per iPad.

Disponibile gratuitamente nell’App Store di iTunes dal 1° dicembre 2013 e in sei lingue (italiano,
inglese, spagnolo, francese, tedesco e polacco), l’app “NEW EUROCARGO” consente di scoprire,
attraverso un originale menù interattivo – le principali innovazioni introdotte nel nuovo modello di veicolo e tutti i servizi che Iveco offre ai propri clienti.

DOVE NASCE EUROCARGO: LO STABILIMENTO DI BRESCIA

Lo stabilimento di Brescia è una realtà produttiva molto importante sia per Iveco sia per la città stessa. Lo stabilimento è stato sede della gloriosa OM nata come Fabbrica Automobili Roberto
Züst nel 1903, diventata poi OM nel 1928 e acquisita dalla Fiat nel 1968. Dalla produzione iniziale di auto (anche da corsa), la OM è passata al settore agricolo e poi a quello dei veicoli industriali. Nel 1975 OM è tra i “soci fondatori” che danno vita all’Iveco ed è entrata a tutti gli effetti a far parte della nuova azienda. Questo stabilimento, che già produceva i veicoli medi marchiati OM, venne scelto nel 1991 per avviare la produzione di Eurocargo.
Complessivamente il sito produttivo ha oggi circa 2.300 dipendenti e copre un’area totale di 676mila metri quadrati dei quali circa 300mila coperti. Recentemente è stato ristrutturato secondo i dettami del World Class Manufacturing (WCM), il modello integrato di organizzazione della fabbrica introdotto dal gruppo Fiat: dalla gestione degli aspetti ambientali e di sicurezza sul lavoro, alla manutenzione, fino alla logistica con particolare attenzione all’eliminazione degli sprechi.
Il WCM si applica a tutti gli ambiti della produzione con l’obiettivo di ottimizzare i risultati attraverso il miglioramento continuo dei processi e della qualità del prodotto, il controllo e la progressiva riduzione dei costi di produzione, la flessibilità di risposta alle esigenze del mercato, il coinvolgimento e la motivazione delle persone.
CARATTERISTICHE TECNICHE MOTORI

Specifiche Tector 5 FPT Industrial
Cilindrata: 4,5 l
Valvole / distribuzione: 4 valvole per il cilindro/distribuzione in testa
Alesaggio (mm): 104
Corsa (mm): 132
Alesaggio / corsa: 0,79
Potenza max. (CV): 206 a 2500 giri/min
Coppia max. (Nm): 750 a 1400-1800 giri/min
Sistema di iniezione: Common Rail (CR) 1600 bar
Trattamento aria: Waste Gate (WG)
Peso a secco: 400
Intervallo cambio olio (km): 80.000
Intervallo manutenzione DPF (km): 300.000
Exhaust Gas recirculation (EGR) : Nessuno
After Treatment System (ATS): HI-eSCR (DOC + pDPF + SCR + CUC)
Specifiche Tector 7 FPT Industrial
Cilindrata: 6,7 l
Valvole / distribuzione: 4 valvole per il cilindro/distribuzione in testa
Alesaggio (mm): 104
Corsa (mm): 132
Alesaggio / corsa: 0,79
Potenza max. (CV): 320 a 2500 giri/min
Coppia max. (Nm): 1100 a 1250-1900 giri/min
Sistema di iniezione: Common Rail (CR) 1600 bar
Trattamento aria: Waste Gate (WG)
Peso a secco: 530
Intervallo cambio olio (km): 80.000
Intervallo manutenzione DPF (km): 300.000
Exhaust Gas recirculation (EGR): Nessuno
After Treatment System (ATS): HI-eSCR (DOC + pDPF +SCR + CUC)

Ulteriori informazioni su FPT Industrial si trovano su www.fptindustrial.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre + 14 =