Iveco protagonista al Transpotec di Verona

Iveco è presente alla nuova edizione di Transpotec Logitec 2013, il Salone dell’autotrasporto, della logistica e dell’innovazione tecnologica, che si svolge nel Quartiere Fieristico di Verona, dal 28 febbraio al 3 marzo 2013. L’azienda partecipa con un’esposizione completa di tutta la gamma di veicoli: dai leggeri ai pesanti, dai minibus agli autobus, ai veicoli per il trasporto e il lavoro in cava-cantiere.
La presenza di Iveco si concentra in un’ampia area interna, con uno stand di oltre 2.400 metri quadrati, ospitato presso il padiglione 8. In linea con quanto già esposto nel corso dell’ultimo Salone Internazionale di Hannover lo scorso settembre, tutta l’area espositiva di Iveco si ispira ai colori e ai materiali con cui è stato realizzato il Fiat Industrial Village di Torino, il primo centro multifunzionale di Fiat Industrial nel mondo.
A completare la presenza di Iveco al Transpotec, è stata allestita un’area esterna, su una superficie di oltre 12mila metri quadrati, con una pista
prove per i modelli di punta della gamma Stralis e Daily.

 

I veicoli Iveco esposti al Salone

Al centro della scena espositiva è presente lo Stralis Hi-Way nella nuova versione Euro VI. Dopo i successi internazionali ottenuti dal veicolo, già premiato “International Truck of the Year 2013” per riduzione dei consumi, traducibile in riduzione dei costi d’esercizio (Total Cost of Ownership), sicurezza, guidabilità, comfort e ridotto impatto ambientale, il mezzo debutta al più importante Salone del settore in Italia.

A Transpotec è inoltre esposto il concept Stralis Hi-Way “Emotional”, veicolo superaccessoriato, che integra contenuti di serie con contenuti  specifici ordinabili in pacchetti personalizzabili, a seconda delle necessità del cliente. Accanto al protagonista del trasporto su strada della gamma pesante, viene presentato al mercato italiano il nuovo Trakker, il veicolo cava-cantiere della gamma off-road, recentemente rinnovato nella cabina, presentato in anteprima mondiale al Salone Internazionale di Hannover. A completare l’offerta della gamma pesante off-road, viene esposto un Astra HD9, 8×4 a telaio, ideale per missioni gravose in cava-cantiere.

La gamma media è invece rappresentata da un Eurocargo CNG, mentre tre Daily, di cui uno elettrico e uno Natural Power, sono l’offerta della
gamma leggera. Infine, Iveco presenta sullo stand anche alcuni veicoli destinati al trasporto collettivo di persone: dal Daily Minibus, un veicolo che può trasportare fino a 25 passeggeri, utilizzabile in diversi tipi di missione, da quella urbana al trasporto scolastico e turistico; al Crealis, mezzo concepito per il trasporto urbano, dalle innovative caratteristiche tecniche e di design, realizzato nel massimo rispetto per l’ambiente; al Magelys PRO, leader nel segmento estremamente specialistico degli autobus Gran Turismo, esposto a Verona nella versione di autobus ufficiale della Nazionale Italiana di Calcio.
L’innovazione al Salone: Iveco Dual Energy

A conferma del proprio continuo impegno nella ricerca e nella sperimentazione di nuove soluzioni tecnologiche e nell’interpretazione dei
possibili scenari futuri, Iveco presenta a Transpotec Logitec il concept Iveco Dual Energy, un veicolo commerciale leggero, in grado di rendere
disponibile, di volta in volta, la fonte di energia più adatta alla missione del veicolo.

INFORMAZIONI TECNICHE

La gamma pesante Iveco protagonista al Salone

Ad accogliere i visitatori sullo stand i pesanti di casa Iveco: in primo luogo, il nuovo Stralis Hi-Way, veicolo di punta della gamma truck, recentemente premiato come “International Truck of the Year 2013” al Salone di Hannover. Il veicolo si mostra a Verona in tutta la propria potenza ed eccellenza: dal nuovo frontale alle cabine, progettate per ottenere il massimo comfort, dall’efficienza dei dispositivi di controllo evoluti e di facile utilizzo che forniscono un ambiente di lavoro produttivo ai bassi consumi e alla massima efficienza.
Con il nuovo STRALIS, Iveco ha dato ulteriormente forza alla propria strategia di attenzione al cliente, che si pone l’obiettivo di una consistente
riduzione del costo totale di esercizio (Total Cost of Ownership – TCO): il veicolo infatti permette una riduzione del TCO fino al 4% per le
missioni di lungo raggio.
Sullo stand sono esposti due Stralis Hi-Way: il primo è un modello AS440S46T/P con motore Cursor 11 Euro VI da 460 cv e cambio automatizzato Eurotronic a 12 marce, il secondo è un modello AS440S50T/P con motore Cursor 13 Euro VI da 500 cv e cambio automatizzato Eurotronic da 12 marce. Entrambi di colore arancio, con cerchi in lega, sistema Iveconnect, fari allo xeno e DRL (luci diurne al LED).
Per consentire elevati standard di sicurezza sono dotati di rallentatore, avvisatore acustico di corsia, misuratore di pressione pneumatici (TPMS) e
Adaptive Cruise Control (ACC).

Lo Stralis Emotional: la novità “superaccessoriata”
Tra i veicoli della gamma pesante stradale è in esposizione uno Stralis “Emotional”, un concept di veicolo dalle molteplici funzionalità, che integra
contenuti di serie con altri specifici ordinabili in pacchetti personalizzabili, a seconda delle diverse necessità del cliente.
Gli accessori dello Stralis “Emotional” sono stati concepiti principalmente per soddisfare le necessità dell’autista durante la guida e i momenti di
sosta, in grado di garantire le performance e la sicurezza del veicolo e del suo carico in qualunque condizione.
Tra i diversi accessori, sono presenti la nuova macchina Lavazza per il caffè espresso, un sistema tecnologicamente avanzato che integra suono e
video di elevato standard qualitativo e un sistema di luci LED che creano un ambiente favorevole per la guida e il relax. Infine, a conferma dell’attenzione di Iveco agli aspetti di sostenibilità, su Stralis “Emotional” è montato un pannello fotovoltaico sulla botola del tetto che permette di
ricaricare le batterie anche a veicolo fermo.

I motori Euro VI FPT Industrial: bassi consumi e prestazioni eccellenti
Al centro dello stand, nell’area dedicata alle tecnologie motoristiche, è esposto il motore Euro VI Cursor 11 di FPT Industrial, dotato dell’avanzato
sistema di riduzione catalitica High Efficiency SCR (HI-eSCR).
Il nuovo Stralis adotta motori Cursor FPT Industrial con architettura a 6 cilindri in linea, in tre varianti di cilindrata (8, 10 e 13 litri per la gamma Euro V; 9, 11 e 13 litri per la gamma Euro VI) e otto varianti di potenza per le versioni Diesel (da 310 a 560 cv) più tre versioni CNG (da 270 a 330 cv). Sono motori con bassi consumi e prestazioni eccellenti, che offrono il massimo di coppia già a regimi molto bassi (a partire da 1.000 giri/min).
Grazie al numero ridotto di cambi marcia, questa elasticità si traduce in efficienza ed elevato comfort di guida. Fondamentali per l’ottimizzazione
dell’efficienza di combustione sono l’elevata pressione media effettiva dei cilindri e alte pressioni degli iniettori. Al fine di conseguire questi risultati, sono state apportate significative modifiche all’architettura del basamento e della testa cilindri, che hanno determinato una maggiore rigidità strutturale, un aumento della capacità di circolazione del refrigerante e una portata nominale superiore. La gamma di motori Euro VI è dotata di un sistema di iniezione Common Rail di ultima generazione, con una pressione massima di iniezione fino a 2.200 bar. È stata introdotta una nuova centralina elettronica per la gestione dei parametri del motore e il controllo accurato del sistema di post-trattamento dei gas di scarico. La nuova centralina è stata progettata per ottimizzare la compattezza e per integrare le funzionalità del motore, del sistema SCR e del filtro DPF.

I motori della serie Cursor Euro VI, dotati per le coppie più elevate di turbocompressore a geometria variabile, si caratterizzano per l’introduzione
di una centralina elettronica, che consente di ottimizzare i termini di risposta del carico a bassi regimi motore e di aumentare l’efficienza del
freno motore. Grazie al programma di ottimizzazione della combustione, le emissioni di particolato prodotte dal motore sono già ridotte e non è quindi necessaria la rigenerazione forzata del filtro DPF, aspetto importante in termini di consumi di carburante e manutenzione periodica. Inoltre, poiché il motore immette solamente aria filtrata pulita invece dei gas di scarico ricircolati, l’usura viene mantenuta a livelli molto bassi e gli intervalli di sostituzione dell’olio sono più lunghi, con relativi intervalli di manutenzione fino a 150.000 km.
Sono numerosi i vantaggi ottenuti grazie all’adozione di questi motori: da una maggiore affidabilità a una potenza più elevata, senza disporre necessariamente di un sistema sofisticato di gestione dell’aria; dai bassi costi operativi grazie alla minore usura del motore e ai lunghi intervalli di manutenzione (che possono raggiungere i 150mila chilometri) al design semplice e compatto, sia del motore sia del sistema di post-trattamento
High Efficiency con peso e ingombri ridotti.
L’innovativo sistema High Efficiency SCR
La nuova gamma dei motori Euro VI Stralis si caratterizza per maggiore cilindrata e coppia a pari consumi, grazie anche all’esclusivo High Efficiency SCR, il sistema realizzato e brevettato da FPT Industrial che rappresenta lo stato dell’arte nella tecnologia dei motori heavy-duty.

La scelta adottata da FPT Industrial aumenta l’efficienza del motore e riduce il particolato prodotto dalla combustione, a causa dell’assenza dei
gas di scarico ricircolati. La restante quantità di particolato viene ridotta nel filtro DPF, mentre gli ossidi di azoto vengono ridotti nell’impianto di scarico, con un miglioramento dei consumi di carburante, delle prestazioni e dell’affidabilità.
Il sistema HI-eSCR è in grado di ridurre i livelli di ossido di azoto di oltre il 95%. La tecnologia post-trattamento di FPT Industrial, che utilizza soltanto il sistema SCR, per i veicoli Euro VI, è unica ed esclusiva, poiché permette di rispettare i rigidi limiti delle emissioni di ossido di azoto, grazie al solo sistema di riduzione catalitica, senza alcuna necessità del ricircolo dei gas di scarico.
Grazie all’altissima efficienza del sistema di riduzione catalitica HI-eSCR, il nuovo Stralis è l’unico veicolo pesante sul mercato a rispettare i limiti Euro VI senza l’utilizzo di EGR. Questo garantisce vantaggi assoluti rispetto alla concorrenza: meno ingombro e meno peso, grazie alla presenza di un solo sistema di trattamento NOx al posto di due; un processo di combustione ottimizzato che garantisce più efficienza e minori consumi; una minore produzione di particolato e quindi una rigenerazione attiva del DPF in casi eccezionali; nessuna esigenza di raffreddamento aggiuntiva con meno dispersione d’energia per la riduzione del calore; potenza e coppia specifica ai vertici del mercato.

 

Il nuovo Trakker: cabina rinnovata e maggior comfort
A Verona Iveco presenta per la prima volta in Italia il nuovo Trakker, il veicolo cava-cantiere della gamma off-road, fortemente rinnovato nella
cabina. Il nuovo Trakker è un veicolo che permette di lavorare su terreni impervi, sconnessi, sostenendo le continue sollecitazioni con altissime prestazioni e lo stesso livello di comfort di un veicolo stradale. Tutto questo è possibile anche grazie all’azione dei motori Cursor FPT Industrial (8 e 13 Euro V), che assicurano potenza e resistenza nel tempo.
La principale novità del Trakker riguarda invece la cabina, concepita per migliorare il comfort di guida e la vita a bordo. La plancia,  completamente riprogettata con plastiche di alta qualità, si distingue per l’ergonomia: tutti i comandi e gli interruttori sono facilmente visibili e azionabili dal conducente, anche durante la fase di guida del veicolo.
La telematica e le funzionalità che hanno decretato il successo dello Stralis, trovano spazio anche a bordo del Trakker, come la tecnologia Iveconnect, il sistema che consente di gestire in modo semplice navigatore, strumenti di ausilio alla guida, infotainment e servizi avanzati di gestione della flotta.
A Verona è esposto un nuovo Trakker modello AD410T50/P con cabina Hi-Land in configurazione 8X4 colore verde Dakar, motore da 500 cv, cambio automatizzato Eurotronic ZF a 16 marce e sospensioni anteriori paraboliche e posteriori pneumatiche.

Astra HD9: affidabilità anche in cantiere
A completare la gamma dei veicoli da cava cantiere, Iveco presenta al Salone di Verona un Astra HD9 8×4 da 480 cv e coppia massima 2300 Nm
presentato a telaio. La nuova cabina HD9 riassume al meglio il carattere deciso e originale dei veicoli Astra. La cabina è realizzata in acciaio trattato e ha un design rinnovato e aggressivo. La calandra, prominente e dalle linee arrotondate, si apre integralmente con i cantonali solidali per un accesso facilitato alle aree di manutenzione. L’interno è stato completamente rinnovato nelle funzionalità e nei rivestimenti e presenta  soluzioni orientate all’abitabilità e al comfort di guida. L’accesso all’abitacolo è facilitato dalla spaziatura ideale dei primi due gradini e dal doppio maniglione verticale su entrambi i lati della portiera oltre che dall’apertura a 90°della portiera stessa.
Tutta la catena cinematica è studiata per le missioni più gravose e impegnative: i motori Cursor da 13 litri con iniettori pompa a gestione elettronica e albero a camme in testa, grazie alle eccezionali caratteristiche di coppia ai vari regimi e al freno motore, garantiscono agli HD9 elasticità di marcia e rilevante potenza frenante, caratteristiche fondamentali per l’impiego in cantiere. Vero punto di forza dei veicoli Astra è il telaio, famoso per la capacità di sopportare carichi gravosi in qualsiasi condizione di terreno riducendo al massimo gli stress torsionali e assicurando grande stabilità anche con baricentri molto alti.

Iveco e le trazioni alternative: la tecnologia al servizio dell’ambiente
Iveco ribadisce al Transpotec di Verona il proprio impegno nella ricerca di soluzioni ecocompatibili per una mobilità a basso impatto ambientale con l’esposizione di alcuni veicoli, ciascuno con una missione specifica, che testimoniano la volontà dell’azienda di investire su diverse soluzioni
tecnologiche, consapevole che non ne esiste una, ed una sola, per rispondere alla diverse esigenze di sostenibilità del trasporto. Sotto i riflettori uno Stralis LNG, veicolo a gas naturale liquefatto adatto alla distribuzione sulle tratte medie e alle consegne notturne. In questa occasione è disponibile uno Stralis con cabina Hi-Road modello AT440S33T/P LNG, sviluppato da Iveco e in attesa di definizione affinché la normativa vigente ne consenta l’omologazione e l’immatricolazione. Il veicolo esposto copre applicazioni da 18 a 40 tonnellate, con configurazioni del trattore a due assi, con motore Cursor 8 a gas naturale, con 330 cv, con cambio manuale, Intarder ed EBS di serie. Questa versione è ideale per missioni di distribuzione a livello regionale e nazionale. Nei veicoli che utilizzano la tecnologia CNG (Gas Naturale Compresso), il metano è immagazzinato allo stato gassoso a 200 bar in serbatoi di acciaio. Nei veicoli LNG, invece, il gas naturale liquefatto è immagazzinato allo stato liquido a -125ºC in serbatoi criogenici ed è convogliato al motore come gas naturale allo stato gassoso, dopo essere stato scaldato in uno scambiatore di calore.
Le opportunità di mercato per questi veicoli riguardano in particolare la distribuzione alimentare, gli operatori logistici e la distribuzione notturna, dove la ridotta rumorosità è assicurata dai motori a combustione comandata. Mediamente la riduzione di rumorosità dei veicoli Stralis alimentati a gas naturale è compresa tra i 3 e i 6 decibel, rispetto a un veicolo di pari potenza con motore Diesel.
Recentemente, alcuni di questi veicoli sono già stati sperimentati da alcuni importanti clienti in Europa: i risultati ottenuti sono positivi e dimostrano che questi veicoli possono avere un ampio ventaglio di utilizzo, per mission diversificate in ambito distributivo. Sempre in tema di trazioni alternative al Transpotec, la gamma media è rappresentata da un Eurocargo CNG, modello ML120EL20/P CNG con motore Tector da 200 cv con sistema di iniezione multipoint/ iniettori pompa a comando elettronico, comando di aspirazione TCA con valvola Waste Gate. Il modello ha un passo di 4815 mm e cambio meccanico ZF a sei marce e cabina corta.
A rappresentare la gamma dei leggeri, non manca a Verona il vero protagonista del lavoro quotidiano dei professionisti del trasporto: il Daily, nelle versioni Natural Power ed elettrico. Il Daily Natural Power è alimentato a metano con la possibilità di passare automaticamente a benzina in recovery mode, in caso di esaurimento del metano nelle bombole. Tra i vantaggi offerti, oltre a quello economico in termini di costo del combustibile, il Daily ha l’omologazione EEV con emissioni che risultano addirittura inferiori ai limiti imposti dalla normativa Euro VI. Rispetto alla pari versione a gasolio, il Daily a metano ha prestazioni equivalenti in termini di potenza e coppia e le emissioni acustiche percepite sono inferiori fino al 75%.
Il veicolo esposto, modello 50C14G/P, è una versione Daily cabinato con sospensione automatica posteriore autolivellante, motore 136 cv 2998 cc e cambio manuale a sei marce. A Transpotec è inoltre presente un Daily Elettrico, un veicolo che è la soluzione ideale per le mission urbane, non solo per via delle sue prestazioni, ma anche per la silenziosità del motore, classificato come ZEV (Zero-Emission Vehicle). Il modello è un furgone 35S, equipaggiato con motore elettrico asincrono trifase, potenza massima di 60 Kw e una coppia massima di 230 nm. Il veicolo monta di serie due batterie di trazione FIAMM Sonick NaNi/Cl2 da 278 Volt, 76 Ah. e convertitore di tensione da 300V a 12V., ma su passo 3.300 mm è opzionale una terza batteria aggiuntiva che permette di aumentare l’autonomia del veicolo a pieno carico fino a 120 km effettivi. Il tipico telaio a longheroni in acciaio a sezione “C”, che da sempre contraddistingue il Daily per la sua robustezza, permette di trasportare fino a oltre 11 quintali di merce.

Iveco Dual Energy: uno sguardo al futuro
Transpotec è anche Logitec, salone dedicato alla Logistica e all’innovazione tecnologica. Proprio a conferma del continuo impegno di Iveco nella ricerca e nella sperimentazione di nuove soluzioni tecnologiche e nell’interpretazione dei possibili scenari futuri, sullo stand sarà esposto il
concept Iveco Dual Energy. Il concept rappresenta una tecnologia estremamente flessibile rivolta a un veicolo commerciale leggero, in grado
di rendere disponibile, di volta in volta, la fonte di energia più adatta alla missione del veicolo. Il sistema prevede, infatti, la possibilità di utilizzare
due tipi di trazione, una esclusivamente elettrica, per garantire emissioni locali nulle e bassi livelli di emissioni acustiche e un’altra ibrida
(termoelettrica), adatta per gli spostamenti a lungo raggio e per missioni extraurbane, che permette una riduzione dei consumi e delle emissioni di  CO2 fino al 25%.

Leggeri, pronti per tutto: il Daily Supervan
La gamma Daily è da sempre il punto di riferimento dei veicoli leggeri grazie anche alla disponibilità di numerose versioni: cabinato, furgone, doppia cabina e semivetrato. La nuova gamma ha visto la nascita di numerose versioni speciali tra cui spicca per prestazioni e dotazioni di bordo il Supervan, furgone allestito di serie in versione Top con sospensione pneumatica posteriore autolivellante e sistema ESP con hill-holder.
Tra le dotazioni corredo del SuperVan le più importanti sono: climatizzatore automatico, sedile autista ammortizzato, chiusura centralizzata, cruise control e fari fendinebbia. La predisposizione navigatore tom-tom inoltre permette l’installazione di un navigatore portatile senza l’intralcio dei fili di collegamento e infine numerosi vani portaoggetti ergonomici. Un veicolo con questa configurazione è disponibile nell’area esterna per le prove di guida.
La versione esposta sullo stand è di colore extra serie grigio scuro opaco, modello 35S15V/P con motore Euro 5 da 2286 cc con tecnologia Multijet 2 e cambio a sei rapporti con doppio overdrive, con cerchi in lega, sistema Start & Stop, airbag per l’autista, vano di carico rivestito in legno, pedana posteriore con sensori di parcheggio e porte posteriori con apertura a 270 gradi.

Il trasporto collettivo: tutte le risposte di Iveco
Infine, Iveco presenta sullo stand anche alcuni veicoli destinati al trasporto collettivo di persone: dal Daily Minibus, un veicolo che può trasportare fino a 25 passeggeri, utilizzabile in diversi tipi di missione, da quella urbana al trasporto scolastico e turistico; al Crealis, mezzo concepito per il trasporto urbano, dalle innovative caratteristiche tecniche e di design, concepito nel massimo rispetto per l’ambiente; al Magelys PRO, leader nel segmento estremamente specialistico degli autobus Gran Turismo, esposto a Verona nella versione di autobus ufficiale della Nazionale Italiana di Calcio. Il Daily Minibus combina tutte le tradizionali qualità del New Daily, affidabilità, comfort, facilità di guida, con numerose nuove funzioni tecniche ed ergonomiche. Il veicolo, rinnovato nel design del frontale, può trasportare fino a 25 passeggeri nella versione urbana, 19 in quella turistica e fino a 45 alunni nella versione scuolabus. La dotazione di un nuovo sistema ESP, l’airbag conducente, la sua struttura conforme al Regolamento R66 antiribaltamento e la possibilità di avere il retarder elettronico lo rendono uno dei veicoli più sicuri disponibili sul mercato. I potenti motori disponibili nella versione Diesel con filtro antiparticolato o in quella Natural Power garantiscono una guida economica, sicura e confortevole.
La gamma Crealis nasce per rispondere alle esigenze di mezzi di trasporto con elevato livello di servizio, in grado di unire un design moderno e innovativo a flessibilità operativa e ad alte prestazioni ambientali ed è disponibile nelle versioni Diesel e metano. È inoltre conforme alle normative europee, in particolare in termini di accessibilità per le persone a mobilità ridotta. Il Crealis è un veicolo caratterizzato da una elevata capacità di personalizzazione dove i dispositivi embedded sono integrati nella progettazione degli interni (monitor TFT, informazioni luminose banner).
Il veicolo proposto a Transpotec è il Crealis Neo diesel, 12,33 metri di lunghezza per 2,55 metri di larghezza, ha 24 posti a sedere di cui 4 sedili jumbo per agevolare il confort dei passeggeri, motore Cursor 8 EEV 245 cv, cambio Voith con parametrizzazione dinamica Sensotop. La vetratura è più estesa di quelle tradizionalmente utilizzate per massimizzare la luce naturale: Le porte di accesso, tranne la prima, sono scorrevoli verso l’esterno per ottimizzare il flusso dei passeggeri attraverso tutte le porte. L’accesso ai passeggeri diversamente abili è facilitato dalla rampa elettrica e due postazioni per carrozzelle allestite all’ interno. A Transpotec è inoltre possibile ammirare il Pullman ufficiale della Nazionale Italiana di Calcio che trasporta la squadra e lo staff negli spostamenti ufficiali. Si tratta di un veicolo Magelys PRO 12,8 m, dotato di motore Cursor 10, 380 cv, da 50 posti. Internamente il veicolo è equipaggiato con tutti i comfort, tra cui un impianto audio-video di ultima generazione e connettività Wi-Fi.


L’area Customer Service

L’attenzione al cliente di Iveco è ancora una volta testimoniata dalla presenza di un’area, interamente dedicata alle esigenze dei clienti durante
e dopo l’acquisto. Uno spazio accogliente dove i visitatori potranno conoscere e apprezzare la vasta offerta di servizi e prodotti di assistenza,
ricambi originali e accessori.
Inoltre, Iveco Parts & Services presenta in anteprima per il mercato italiano la nuova linea completa di accessori Iveco Shop predisposta per Stralis Hiway, disponibile a bordo del veicolo Emotional Concept, allestito con tutti i nuovi accessori specifici concepiti per soddisfare le esigenze di estetica e comfort durante la guida e durante le soste.
Per finire, nell’area esterna adiacente allo stand è disponibile il loft-truck targato ORIGIN 100% Iveco, dove i visitatori potranno fare una piacevole sosta estremamente rilassante.
L’area esterna: i veicoli esposti
Iveco prosegue la propria esposizione di veicoli anche in un’area esterna, dove è inoltre possibile effettuare test drive dinamici su uno Stralis Hi-Way modello AS440S46T/P con motore Euro VI Cursor 11 da 460, cambio Eurotronic da 12 marce e su uno Stralis Hi-Way AS440S50T/P con motore 500 cv a taratura EEV, cambio Eurotronic da 12 marce.
A disposizione dei visitatori per un test drive anche un Daily Natural Power, con il quale è possibile effettuare le prove di rifornimento con il
sistema BRC su un veicolo in versione furgone modello 35S14GV/P con motore 136 cv 2998 cc, cambio manuale a sei marce. Il sistema BRC è un
sistema di rifornimento che è possibile installare presso le abitazioni private laddove sia presente la rete di fornitura del gas metano.
A fare da cornice alla pista prove inoltre è presente un veicolo Stralis nella versione Superlight con cabina Hi-Street e motore Cursor 8 da 360 cv modello AD440S36T/P SL. La versione Superlight consente, a parità di modello, una tara minore e quindi una capacità di carico che, nel modello AT440S46T/P SL, è maggiorata fino a 1000 Kg circa.
Tra gli altri veicoli esposti c’è inoltre il Trakker Dakar Evolution 2, veicolo che ha partecipato al più famoso rally del mondo, la Dakar. Il veicolo è un AT190T44W in configurazione 4X4 motore Cursor 13 con cilindrata da 12,8 cc, potenza 900 cv a 2200 giri/min coppia massima 3600 Nm da 1200 con cambio meccanico ZF a 16 marce e passo 4200 mm.

 

c.s.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather