Lorelli: Legge regionale che tuteli autotrasporto Friuli Venezia Giulia

Il segretario regionale del Friuli Venezia Giulia di Filt-Cgil, Valentino Lorelli, chiede una legge regionale che sostenga e tuteli le aziende di trasporto merci e tamponi la crisi del settore. 

“Una crisi – dichiara Lorelli all’agenzia AGI – che tra il 2009 e il 2014 ha determinato la chiusura di 500 aziende, con effetti drammatici sul piano occupazionale e sulla tenuta del comparto trasporti-logistica”.

Lorelli sostiene che dietro alla crisi del comparto non vi sia soltanto la recessione: “C’e’ un’asimmetria preoccupante tra la diminuzione delle merci movimentate e la crisi del settore dei trasporti, dove negli ultimi cinque anni ha chiuso i battenti quasi il 25% delle aziende. Le ragioni di questo crollo sono da ricercare nella concorrenza sleale che le aziende straniere sono in grado di esercitare nei confronti delle nostre”.

Secondo Lorelli, questo “dumping” deriva da trattamenti economici e normativi degli autisti stranieri di gran lunga inferiori a quelli degli italiani, potendo essi usufruire di costi più bassi per mezzi e carburanti più bassi nonchè di condizioni fiscali più vantaggiose.

“Ma a rendere insostenibile la situazione – secondo Lorelli – anche la violazione delle regole sul cabotaggio e sui distacchi comunitari, resa possibile anche dalla carenza dei controlli su strada. Con il paradosso che molte delle aziende chiuse in Italia rinascono all estero, spesso con dipendenti italiani, riassunti attraverso agenzie interinali straniere, con meno salario e meno diritti”.

Per questo motivo, Lorelli chiede una legge regionale a sostegno al trasporto merci “per tutelare e sostenere le aziende e i lavoratori nell’interesse non solo del settore, ma di tutta l’economia regionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 4 =