Lupi su No Tav e Nuove BR

Il ministro delle Infrastruture e dei Trasporti, Maurizio Lupi, ha rilasciato una dichiarazione in merito alla notizia che le nuove BR incitano il movimento No Tav a compiere un altro “salto in avanti” rispetto a quanto fatto sinora. 
Il ministro Lupi ha dichiarato: “L’entrata in funzione della talpa che scaverà la galleria geognostica in Val di Sua è la risposta più seria, concreta ed efficace ai deliri delle nuove Br che incitano il movimento No Tav ‘a compiere un altro salto in avanti’ rispetto alle violenze di cui alcuni delinquenti si sono già resi  responsabili. Questo ulteriore appello alla violenza, e sappiamo purtroppo per esperienza che cosa questo voglia dire per le Br vecchie o nuove che siano, è il segno della sconfitta di chi vuole opporsi senza se e senza ma a una grande opera decisa democraticamente.  Vanno isolati. Lo Stato è determinato a portare a compimento la Torino-Lione, e a difendere i lavoratori che la realizzano. Prova di questa determinazione sono la nomina dell’ex vicecapo della Polizia Paolo Basilone come nuovo prefetto di Torino e l’invio di altri 200 militari per la sorveglianza del cantiere. Lo Stato manifesta concretamente anche la sua vicinanza alle imprese che lavorano per la Tav e ai loro operai. E’ stato depositato, e verrà discusso la settimana prossima, l’emendamento al decreto legge 93/2013 che estende alle imprese che lavorano per le grandi opere il fondo risarcimenti per le aziende colpite dagli attentati della mafia. E’ stato significativamente firmato da esponenti di partiti della maggioranza e dell’opposizione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove + dodici =