Magnete sul cronotachigrafo, succede a Veroli, provincia di Frosinone

Nel primo pomeriggio di ieri, giovedì 19 febbraio 2015, nell’ambito dei controlli utili a mantenere la legalità nell’autotrasporto, sulla SR 214 all’altezza del comune di Veroli, in provincia di Frosinone, una pattuglia del Distaccamento di Polizia Stradale di Sora (FR) hanno fermato un autoarticolato che viaggiava in direzione Frosinone, alla cui guida un uomo 50enne originario della provincia di Lecce.

Lo scarico dei dati dal cronotachigrafo digitale del mezzo ha consentito agli operatori della Polstrada di verificare l’incongruenza emersa fra la strada percorsa e le poche ore di guida dell’autista. Gli agenti della Polizia hanno proceduto quindi ad un controllo più accurato chiedendo l’apertura del vano motore grazie al quale hanno potuto constatare come il cronotachigrafo presentasse sul proprio sensore vicino al cambio un grosso magnete che alterava i dati delle ore di guida.

Immediata, per l’uomo, è scattata la contravvenzione con decurtazione di 10 punti ed il ritiro della patente di guida per 3 mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 − 1 =