Meno incidenti in autostrada ma… si può fare di più

Nei primi 10 mesi del 2014 sulle autostrade che fanno parte diAiscat (Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori) si sono verificati 5.175 incidenti, vale a dire il 2,5% rispetto a quanto accaduto nello stesso periodo dello scorso anno. 
In diminuzione, secondo quanto reso noto da Federpneus (Associazione Nazionale dei Rivenditori Specialisti di Pneumatici), è anche il numero delle persone rimaste ferite (-2,8%) e delle persone che hanno perso la vita (-8%) in un incidente stradale.
Dati che assumono una valenza ancor più positiva se si considera il fatto che in quel periodo sulle autostrade si è registrato un aumento del traffico dello 0,8% rispetto all’anno precedente. Il dato dell’ultimo mese rilevato (ottobre 2014) poi induce ad ulteriore ottimismo visto che gli incidenti sono stati il 14,3% in merno rispetto ad ottobre 2013.

Commentando questi positivi dati, Federpneus ha sottolineato come tuttavia sia possibile fare ancora molto per ridurre ulteriormente il numero di incidenti sulle autostrade italiane anche grazie ad una maggiore attenzione da parte degli automobilisti alle condizioni dei propri veicoli, soprattutto nella stagione invernale. A tal proposito, è molto importante controllare lo stato di usura dei pneumatici e la loro pressione di gonfiaggio. Infatti – riferisce Federpneus – utilizzare pneumatici in buone condizioni può contribuire a evitare o limitare le conseguenze negative di un eventuale incidente. Soprattutto, nella stagione invernale, è di fondamentale importanza, secondo Federpneus, dotare la propria auto di pneumatici invernali che, non solo in presenza di ghiaccio o neve, ma anche alle basse temperature garantiscono la massima aderenza al fondo stradale. Questione che, tra l’altro, salvo casi particolari, è regolamentata da ordinanze locali che impongono (pena una multa) l’uso di pneumatici invernali o la presenza di catene a bordo a partire dal 15 novembre e fino al 15 aprile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 + sedici =