Paolo Uggè riconfermato presidente di FAI-Conftrasporto

Paolo Uggè è stato riconfermato alla guida della Fai, la Federazione degli Autotrasportatori Italiani aderente a Conftrasporto-Confcommercio. Lo ha deciso ieri (venerdì 6 novembre) il Consiglio nazionale della Federazione, riunita in videoconferenza per evidenti ragioni legate all’emergenza sanitaria in atto. Eletti anche il presidente onorario, Vittorio Petrogalli di Brescia, e il comitato di presidenza.

Già sottosegretario ai Trasporti del Governo Berlusconi bis e ter, Cavaliere di Gran croce e, per dieci anni, vicepresidente di Confcommercio Imprese per l’Italia, Uggè rimane quindi saldo al comando della più rappresentativa Federazione delle imprese di autotrasporto e logistica in Italia, con 8mila aziende associate per un totale di 120mila dipendenti 103mila veicoli e un fatturato annuo di 15 miliardi di euro.

Costituita nel 1963, la Fai svolge da oltre 50 anni un ruolo sindacale fondamentale, rendendosi portavoce della categoria per la valutazione e la soluzione di questioni legate alle normative di settore, contrattazione collettiva nazionale di lavoro, formazione e lavoro degli imprenditori e dei loro addetti, fisco e contabilità delle imprese, costi di esercizio e sviluppo delle attività di trasporto nazionale e internazionale, rapporti con le istituzioni, il Parlamento e gli organismi comunitari.

Con il nuovo mandato, Uggè conferma l’impegno sul piano delle infrastrutture, con l’obiettivo di Connettere l’Italia, a partire dalla mobilità interna, per garantirne il collegamento con i principali mercati europei e mondiali.

“Tra le battaglie, quella sulla sicurezza e sul rispetto delle regole continueranno a ispirare i nostri programmi, insieme all’impegno in ambito europeo per il contrasto al dumping sociale. Ricordo che nel 2017 abbiamo firmato, assieme ad altri otto Paesi comunitari, la ‘Road Alliance’ per promuovere una politica integrata per la tutela dei diritti sociali dei lavoratori e della sicurezza stradale – afferma Uggè – Ci vogliono regole uguali per tutti, se veramente vogliamo operare nello steso mercato con le stesse opportunità e concorrere in modo unitario alla crescita dell’Europa”.

“La stessa Europa – prosegue Uggè – che pone obiettivi e scadenze per la sacrosanta causa ambientale. Un tema che ci sta particolarmente a cuore e che va, a nostro avviso, affrontato con equilibrio, stando attenti a non far prevalere le mode o le ideologie nella scelta o nella demonizzazione di una fonte energetica rispetto a un’altra”.

La riconferma di Paolo Uggè arriva in un momento tra i più drammatici della storia, con l’emergenza che sta stravolge gli scenari e il mondo dei trasporti che diventa centrale per l’approvvigionamento dei beni primari e ospedalieri.

Agli operatori dell’autotrasporto Uggè ha riservato un ringraziamento particolare, “Per la loro abnegazione, per non essersi risparmiati nemmeno quando il Covid avrebbe potuto mettere a rischio la loro salute e la loro vita. “Per questi lavoratori chiediamo rispetto e dignità”, ha detto il presidente Fai Conftrasporto-Confcommercio.

[comunicato stampa]ù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 − sei =