Salvatore Bella (AITRAS): Lupi ha confermato taglio 19 milioni su 330

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato del presidente di AITRAS, Salvatore Bella, nel quale si ribadisce che nell’incontro avvenuto nella giornata di martedì 25 marzo 2014 presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti tra i rappresentanti del governo e quelli delle associazioni dell’autotrasporto, il ministro Lupi ha confermato il taglio di 19 milioni di euro rispetto ai 330 previsti per il settore dell’autotrasporto.

Il testo del comunicato.

Nell’incontro di ieri il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti ha confermato il taglio di 19 milioni di euro sull’autotrasporto rispetto ai 330 previsti. In particolare è stato abolito il finanziamento del progetto UIRNET, sono stati ridotti i fondi per rimborso sui pedaggi autostradali, sul fondo di garanzia e sugli investimenti. Questi tagli ci trovano d’accordo, anche se continuiamo a non condividere il rimborso sui pedaggi autostradali con l’attuale meccanismo che vede le lobby protagoniste e che si  impossessano di buona parte degli stessi; questo è un sistema da scardinare in quanto è necessario che gli autotrasportatori possano attingere ai fondi direttamente al casello senza la mediazione di nessuno. Chiederemo al Ministro, oltre alla rivisitazione di questo meccanismo, anche l’abolizione del carrozzone Albo Autotrasporti e relativo Comitato, istituzioni inutili il cui compito  è solo quello di sprecare denaro pubblico e distribuire poltrone. In ogni caso con i fondi per l’autotrasporto non si risolvono i problemi della categoria che ha bisogno soprattutto di norme e regole che gli permettano di lavorare e produrre utili che gli permettano di camminare con le proprie gambe. Stiamo preparando un dossier da consegnare al Ministro Lupi con tutte le nostre proposte e osservazioni. In queste scelte non siamo soli: abbiamo infatti letto la lettera che la Presidente di Fita-Cna Cinzia Franchini ha trasmesso al Presidente del Consiglio Renzi e i 6 punti evidenziati nella stessa  ci accomunano e sono condivisi dall’Aitras, a cui aggiugiamo i problemi connessi alla continuità territoriale di Sicilia e Sardegna. Condividiamo il pensiero della Presidente Fita-Cna che invita alcune associazioni nazionali a scegliere tra le lobby politico-bancarie e gli autotrasportatori. A tal proposito l’Aitras nei prossimi giorni incontrerà altre associazioni per far fronte comune contro queste lobby che sfruttano l’autotrasporto.

Salvatore Bella
AITRAS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 5 =