Salvatore Bella (AITRAS): MIT adotta due pesi e due misure

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato del presidente di AITRAS, Salvatore Bella, nel quale viene evidenziato come, secondo AITRAS, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, starebbe adottando due pesi e due misure nel confronto con l’autotrasporto nazionale da una parte e quello siciliano dall’altra.

Qui di seguito il testo del comunicato.

Il Mit continua ad adottare due pesi e due misure: oggi pomeriggio convoca una riunione con le sigle nazionali e domani pomeriggio con le sigle siciliane, come se la Sicilia non facesse parte dell’Italia, come se la Sicilia fosse un mondo a parte e da tenere a parte. Come se i fondi, i 311 milioni di euro, non interessino anche i siciliani. Durante l’ultimo tavolo, quando la discussione si è spostata dall’ecobonus ai fondi dell’autotrasporto, ci siamo alzati e siamo andati via per protesta, facendo poi pervenire un dossier al Sottosegretario De Caro e al Ministro Lupi col quale abbiamo fatto rilevare come quei fondi, così distribuiti, non porteranno alcun beneficio alla categoria, al contrario contribuiranno solo a rimpinguare le casse delle lobby, mentre gli autotrasportatori si riverseranno di nuovo sulle strade a protestare. Siamo ancora in tempo per il ripristino della trasparenza e della correttezza, rimettendo in discussione i fondi e decidendo tutti insieme come distribuirli, intorno a un tavolo dove siano sedute tutte le associazioni piu’ rappresentative, non quelle che hanno accrediti al CNEL. L’altra questione è quella dell’esclusione dai tavoli istituzionali di Trasportounito, terza associazione nazionale per numero di aderenti, numeri alla mano già dimostrati al Mit ed esclusa solo per il capriccio di chi ai tavoli di confronto non gradisce voci fuori dal coro. Se non viene ripristinata la legittimità dei tavoli, se associazioni largamente riconosciute come quelle siciliane e Trasportounito, non vengono coinvolte nel dialogo con il Governo, si rischiano di nuovo disordini sulle strade. 

Salvatore Bella
Aitras

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 1 =