Salvatore Bella: Allo studio soluzioni per lo Stretto di Messina

Riceviamo e pubblichiamo dal presidente dell’associazione AITRAS, Salvatore Bella, un comunicato che fornisce un resoconto dell’incontro avvenuto nella giornata di ieri, martedì 14 ottobre 2014, presso l’Assessorato ai Trasporti della Regione Sicilia nel quale si sono vagliate alcune proposte per risolvere il problema dello Stretto di Messina.

Riportiamo, qui di seguito, il testo del comunicato.

Riunione operativa oggi presso l’Assessorato regionale trasporti con la quale si è iniziato a vagliare le prime proposte per risolvere il problema dello Stretto di Messina aree di sosta per la filiera agroalimentare. La prima proposta prevede l’istituzione di un nuovo collegamento marittimo, da Catania a Villa S.G. per bypassare lo Stretto, visti problemi creati dai divieti del sindaco di Messina e dagli approdi. La seconda prevede un ridimensionamento dei progetti degli autoporti, che diventerebbero aree di sosta per mezzi pesanti con distributore di gasolio extrarete. Le proposte sono al vaglio dei tecnici del Dipartimento Trasporti che indicheranno le modalità di attuazione delle stesse. L’Assessore Torrisi si è impegnato di incontrare a breve il Presidente della Regione Crocetta per fare il punto della situazione e chiedere una riunione con il Ministero dei Trasporti affinché i fondi destinati alla riqualificazione del trasporto merci in Sicilia siano sbloccati.

In ambito nazionale proseguono gli incontri con le altre sigle sindacali con le quali decidere quando attuare un’azione di protesta contro il Governo che ha disatteso tutti gli impegni assunti con la categoria. Le sigle sono comunque tutte concordi nel mantenere unita la categoria e prendere decisioni che vedano d’accordo tutti. La Confartigianato ha già ricevuto mandato da parte delle associazioni siciliane di promuovere un tavolo in cui si ritrovino tutte le sigle, presenti e non all’Albo Autotrasportatori per promuovere un percorso comune che porti a una decisione unanime.

Salvatore Bella Aitras

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre + cinque =