Tav Torino-Lione, approvato il progetto definitivo

Nella giornata di ieri, venerdì 20 febbraio 2015, il CIPE ha approvato il progetto definitivo della tratta italiana della Sezione Transfrontaliera della Tav Torino-Lione.

“E’ un grande risultato – commenta il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – che corona il processo valutativo portato avanti in questi anni dai Ministeri delle Infrastrutture e dei Trasporti, dell’Ambiente, dei Beni Culturali e dell’Economia. Il progetto approvato raccoglie il risultato delle Conferenze dei Servizi regionale e nazionale e capitalizza il grande lavoro  di analisi e proposte sviluppato dall’Osservatorio sulla Torino-Lione in 235 riunioni e confronti con gli enti locali coinvolti.”

“Oltre alla piena condivisione  di Italia e Francia – prosegue il MIT – l’opera ha beneficiato e continua a essere sostenuta dalla Commissione Europea attraverso il ruolo del Coordinatore del Corridoio Mediterraneo Laurens Jan Brinkhorst. È ormai giudizio consolidato a livello europeo che la Torino-Lione, come ha ribadito nei giorni scorsi anche la Commissaria europea ai Trasporti Violeta Bulc, non sia più solo un’opera franco-italiana ma  soprattutto un progetto europeo per l’integrazione degli scambi delle persone e delle merci e per la salvaguardia ambientale di beni comuni intangibili come le Alpi.”

Il Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti annuncia inoltra che nel summit intergovernativo di martedì prossimo, 24 febbraio 2015, a Parigi verrà firmato il protocollo addizionale all’Accordo Italia-Francia del 2012 in modo da consentire l’avvio delle fasi più rilevanti per la realizzazione dell’opera. Infine, nel  quadro degli indirizzi del CEF (Connecting Europe Facility) i due Governi presenteranno il 26 febbraio a Bruxelles la richiesta di finanziamento comunitario al 40% per l’ammontare di tutte le opere previste nel periodo del budget 2014-2020 della Commissione europea. Italia e Francia hanno le carte in regola per questa richiesta: il progetto approvato, il nuovo Promotore pubblico costituito e il nuovo Accordo sottoscritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei + tredici =