Trasportounito lascia Confetra

A pochi mesi da quando vi aveva aderito, l’associazione Trasportounito lascia Confetra. Lo riferisce la testata Trasportoeuropa.it, la quale ha anche raccolto il commento a margine di Maurizio Longo, segretario generale di Trasportounito.

A Trasportoeuropa.it, Longo precisa che Trasportounito manterrà “buoni rapporti” con Confetra “ma nello stesso tempo rilancerà l’iniziativa a gennaio per tutelare la categoria, visto anche l’esito, ritenuto in gran parte negativo, della Legge di Stabilità per quanto riguarda l’autotrasporto.

“Abbiamo scelto  – ha proseguito Longo – il confronto esterno con Confetra per mantenere l’indipendenza da vincoli statutari troppo stretti. “Stiamo partecipando a riunioni con i movimenti territoriali e nelle prossime settimane apriremo il confronto con le altre associazioni, senza escludere azioni di protesta”.

Sulla Legge di Stabilità appena approvata dal Parlamento, Longo ha detto: “Bisogna andare verso una maggiore semplificazione, mentre il testo approvato dal Parlamento va in senso opposto, specialmente per quanto riguarda la sub-vezione. Sui tempi e le modalità di pagamento, l’impianto normativo doveva essere più chiaro”.

Longo, infine, ritiene una sconfitta anche l’abrogazione dei costi minimi, pur non facendo Trasportounito arte del fronte più oltranzista nella loro difesa. “Non ci piace la tariffa di riferimento che pare sostituire i costi minimi, perché crea ulteriore confusione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque + 20 =