Udine, controlli a tappeto contro la concorrenza sleale dei vettori stranieri

Nelle quattro giornate tra lunedì 21 e giovedì 24 ottobre 2013, nelle località di San Giorgio di Nogaro SP 80 e a San Giovanni al Natisone SP 50 in provincia di Udine, 2 agenti del Corpo di Polizia Provinciale e 3 dipendenti del Servizio Motorizzazione Civile abilitati al servizio di Polizia Stradale hanno effettuato una maxi-operazione di controllo sui vettori in transito nel territorio friulano.

Lo riferisce il sito web ilfriuli.it secondo cui l’assessore provinciale con delega alla Motorizzazione, Marco Quai, ha spiegato che “si è trattato soprattutto di verifiche di natura tecnica; le maggiori anomalie rilevate consistono in sbilanciamenti degli organi di frenatura, pneumatici usurati, componenti strutturali alterati o non funzionanti (vetri, fanalerie, barre, strisce riflettenti)”. 

Si tratta di controlli che hanno l’obiettivo di contenere la concorrenza sleale dei vettori stranieri, soprattutto dell’Est, che sappiamo essere uno dei fattori maggiormente penalizzanti per le aziende italiani. In merito, a ilfriuli.it, l’assessore Quai ha dichiarato: “il settore dei vettori di trasporto merci del Nord-Est registra sempre maggiori criticità dovute alla concorrenza di autotrasportatori di Paesi, in primis Slovenia ma anche Ungheria, Bulgaria e Romania, che dispongono di condizioni più favorevoli nei costi di esercizio grazie a tasse, costo del lavoro e del carburante inferiori; tutti questi fattori determinano costi di gestione inferiori del 25-30 per cento rispetto a quanto avviene per i vettori italiani”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − cinque =